Definizione agevolata liti pendenti modulo DCT-2018 in pdf

-
08/03/2019

Definizione agevolata liti pendenti modulo DCT-2018 in pdf, da scaricare e da compilare per aderire alla nuova misura.

Definizione agevolata liti pendenti modulo DCT-2018 in pdf

Definizione agevolata, il presente modello di domanda deve essere utilizzato dai soggetti che hanno proposto l’atto introduttivo del giudizio in primo grado (o da chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione)
che intendono definire, ai sensi dell’articolo 6 o dell’articolo 7, comma 2 lettera b) e comma
3, del DL n. 119 del 2018, mediante il versamento delle somme indicate nelle medesime disposizioni normative, le controversie tributarie in cui è parte l’Agenzia delle entrate, aventi ad oggetto atti impositivi, pendenti in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio, il cui ricorso sia stato notificato alla controparte entro il 24 ottobre 2018 e per le quali alla data di presentazione della domanda il processonon si sia concluso con pronuncia definitiva.

Definizione agevolata: controversie definibili

Le controversie definibili sono quelle che hanno ad oggetto atti impositivi (ad esempio, avvisi di accertamento, provvedimenti di irrogazione sanzioni e ogni altro atto di imposizione); sono, quindi, escluse dalla definizione agevolata le controversie aventi ad oggetto unicamente atti di mera liquidazione e riscossione (ad esempio, avvisi di liquidazione, ruoli e cartelle di pagamento). Le somme dovute per la definizione delle controversie pendenti di cui sopra, o la prima rata in caso di pagamento rateale, devono essere versate entro il termine previsto dal comma 6 dell’articolo 6 del DL n. 119 del 2018 e comunque prima della presentazione della domanda.

Domanda di definizione agevolata liti pendenti

La domanda deve essere presentata in via telematica, entro il termine del 31 maggio 2019
specificato al comma 6 del predetto articolo 6.
Il presente modello, unitamente alle relative istruzioni, è reso gratuitamente disponibile in formato elettronico e può essere prelevato dal sito internet dell’Agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it o da altri siti internet, a condizione che lo stesso sia conforme, per struttura e sequenza, al presente modello, approvato con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate e che rechi l’indirizzo del sito dal quale è stato prelevato, nonché gli estremi del provvedimento.


Leggi anche: Bonus casalinghe 2021: attesa per i decreti attuativi, requisiti e come funziona

Definizione agevolata: modello DCT-2018 da presentare

Il modello può essere riprodotto con stampa monocromatica, realizzata in colore nero, mediante l’utilizzo di stampanti laser o di altri tipi di stampanti che comunque garantiscano la chiarezza e l’intelligibilità del modello nel tempo. La stampa del modello va effettuata nel rispetto della conformità grafica al modello approvato e della sequenza dei dati.

Il modulo da scaricare in pdf: DCT-2018