Detrazione assegni di mantenimento: quando è possibile e come?

-
16/07/2020

E’ possibile fruire della deduzione spettante per il mantenimento corrisposto all’ex coniuge? Si, ma bisogna possedere la documentazione che attesti gli avvenuti versamenti e rispondere a determinati requisiti.

Detrazione assegni di mantenimento: quando è possibile e come?

E’ possibile portare in detrazione l’assegno di mantenimento? Dipende. L’assegno di mantenimento versato ai figli, infatti, non è detraibile dal 730 mentre l’assegno di mantenimento versato all’ex coniuge è deducibile dal reddito imponibile. Cerchiamo di capire quando è possibile avere il beneficio fiscale.

Detrazione e deduzione assegno di mantenimento

Un lettore scrive per chiedere:

E detraibile l’importo dell’assegno di mantenimento versato mediante ricarica postepay, senza specificare la causale

In ogni caso per poter fruire delle deduzione spettanti per gli assegni di mantenimento periodico versati all’ex coniuge è necessario rispettare determinate condizioni che spiegheremo di seguito

Partiamo dai requisiti richiesti per la deduzione dell’assegno di mantenimento versato all’ex coniuge:

  • deve esserci una sentenza di separazione o divorzio
  • che l’obbligo di corrispondere l’assegno sia stabilito da un provvedimento del Giudice
  • che l’assegno sia, appunto periodico e non una tantum

E’ necessario, in ogni caso che l’assegno di mantenimento sia stato versato in modo che sia dimostrabile il totale delle somme pagate nell’anno di imposta. Occorrono, quindi, copie dei bonifici, degli assegni o comunque ricevute che dimostrino le somme versate a titolo di assegno di mantenimento al coniuge.

In conclusione

Nel suo caso, quindi, la deduzione (e non detrazione) dell’assegno di mantenimento può essere fruita nel caso che tali somme vengano corrisposte a titolo di mantenimento dell’ex coniuge (e non dei figli), a patto che tali somme siano state stabilite da un provvedimento del giudice e che abbia delle ricevute che attestino che sono state versate a quello scopo.

Purtroppo ritengo che se ha versato il mantenimento con ricariche PostePay non specificando nella causale che erano per a titolo di assegno di mantenimento sarà molto difficile che possa beneficiare della detrazione.

Le consiglio, in futuro, di versare il mantenimento (sempre che si tratti di assegno per l’ex coniuge e non per i figli) tramite bonifico e specificando sempre nella causale la motivazione per cui effettua il pagamento.

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo: Assegno di mantenimento non è rendita parassitaria e non spetta all’ex coniuge che può lavorare


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?