Detrazione ristrutturazione edilizia: è possibile con bonifico di terzi?

-
25/12/2019

Si può beneficiare della detrazione per le spese di ristrutturazione se non si è l’ordinante del bonifico?

Detrazione ristrutturazione edilizia: è possibile con bonifico di terzi?

Per chi esegue ristrutturazioni edilizie per la conservazione del patrimonio  è prevista una agevolazione fiscale anche nel 2020. E’ possibile, infatti, fruire di una detrazione del 50% sulle spese sostenute fino ad un massimo di spesa di 96mila euro. La detrazione è ripartita in 10 quote di pari importo con cadenza annuale.

Detrazione spese ristrutturazione

 Per poter fruire della detrazione, in ogni caso, il pagamento deve avvenire tramite bonifico parlante, sia bancario che postale,  o tramite carta di credito/debito indicando i seguenti dati:

  • nella causale del versamento deve essere scritto, per i lavori edili di ristrutturazione, articolo 16 bis del Dpr numero 917/1086
  • codice fiscale del beneficiario
  • codice fiscale di chi esegue i lavori
  • Partita Iva di chi esegue i lavori

Se i lavori in questione sono eseguiti in parti comuni del condominio, invece, ai dati sopra descritti bisognerà aggiungere anche

  • Codice fiscale del condominio e dell’amministratore di condominio (in mancanza di amministratore del condomino che esegue il pagamento per tutti).
  • Vanno, inoltre indicati anche i nominativi di tutti coloro che sostengono la spesa e che vogliono fruire della detrazione spettante

Cosa accade se il bonifico è eseguito da un conto corrente di terzi?

Un nostro lettore ci scrive:

Non essendo titolare di un conto corrente, ho acquistato un appartamento e lo sto ristrutturando. Cosa accade se il bonifico per i lavori di ristrutturazione lo eseguo dal conto corrente dei miei genitori?

Colui che beneficia della detrazione al 50% può essere anche diverso da chi ordina il bonifico. A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate con la circolare numero 17 del 2015 nella quale chiarisce che il beneficiario della detrazione può essere persona diversa da chi effettua il bonifico, importante  è indicare, sempre nel bonifico il nominativo di chi fruirà della detrazione e solo quella persona, poi, potrà fruire della detrazione al 50% spettante.