Detrazione spese di affitto del 19% nel 730 e Reddito di cittadinanza

-
11/02/2020

Spese d’affitto e reddito di cittadinanza, su può fruire della detrazione del 19% nella dichiarazione annuale (730 o Redditi)? Analizziamo cosa prevede la normativa.

Detrazione spese di affitto del 19% nel 730 e Reddito di cittadinanza

Nella dichiarazione annuale è possibile detrarre le spese di affitto sostenute esclusivamente per gli immobili adibiti ad abitazione principale. La detrazione spetta anche se si percepisce il reddito di cittadinanza. Un lettore ci pone una domanda in merito: Salve, le volevo chiedere gentilmente io prendo il reddito di cittadinanza e sono in affitto, posso fruire della detrazione… grazie 

Detrazione spese di affitto

Come sopra riportato le spese di affitto si possono detrarre nella dichiarazione annuale (730 o Redditi), solo se si tratta di abitazione principale, dove risiede il nucleo familiare. La normativa vigente prevede cinque particolari casistiche (contratti in libero mercato; contratti concordati; per giovani che vivono in affitto; trasferimento di residenza per motivi di lavoro; affitto studenti) che permettono la detrazione che variano a seconda dei soggetti richiedenti e del reddito annuale percepito.

Se il contratto di affitto è intestato a più soggetti, ognuno di essi può beneficiare in base alla  quota indicata nel contratto. Anche in questo caso si considera il proprio reddito complessivo. Esaminiamo la detrazione delle spese di affitto per i contratti di libero mercato.

Comprare casa senza mutuo con affitto a riscatto, una soluzione vantaggiosa

Detrazioni per inquilini a basso reddito (libero mercato)

La casistica dei contratti stipulati o rinnovati in base alla legge 431/1998 spetta una detrazione così suddivisa:

  • euro 300 se il reddito annuo non supera la soglia di euro 15.493,71;
  • euro 150 se il reddito annuo è superiore alla soglia di euro 15.493,71, ma non supera euro 30.987,41;
  • non spetta nessuna detrazione se il reddito supera la soglia di euro 30.987,41.

La detrazione può essere fruita anche se il contratto è stato stipulato e rinnovato automaticamente prima dell’entrata della legge 431/1998. Inoltre, spetta anche se nel contratto di affitto non è stata riportata la normativa di riferimento.


Leggi anche: Pensioni anticipate dai 62 anni: le novità sulla ipotesi contributiva e lo stop dei sindacati

La detrazione nel 730 del 19% delle spese di affitto sostenute, spetta anche se si percepisce il reddito di cittadinanza.

Ricordiamo che ogni variazione deve essere comunicata tramite un’apposita procedura per evitare spiacevole sospensione del RdC. 

Leggi anche: Contributo affitto 2020: novità su importo, domanda e scadenza