Detrazione spese sanitarie: è necessaria imposta di bollo, attenzione

-
19/02/2020

Attenzione alle fatture dei medici privati: se sono senza IVA è necessaria la marca da bollo. Vediamo come fare.

Detrazione spese sanitarie: è necessaria imposta di bollo, attenzione

Come tutti ben sappiamo le spese mediche e sanitarie si possono portare in detrazione al 19% con la dichiarazione dei redditi. Con la legge di Bilancio 2020 è stata introdotto la novità dei pagamenti tracciabili per determinate spese sanitarie da portare in detrazione (per la lista è possibile leggere l’articolo Spese sanitarie la detrazione al 19% solo se pagate con bancomat dal 2020, i farmaci ancora in contanti, ultime notizie). Inizialmente l’obbligo dei pagamenti tracciabili era stato previsto dal 1 gennaio 2020 ma, per far adeguare sia i professionisti che i contribuenti, è intervenuta una proroga che ha fatto slittare l’obbligo al 1 aprile 2020.

Detrazione spese sanitarie e imposta di bollo

Tutte le spese sanitarie, quindi, sostenuta fino al 31 marzo 2020 possono essere portate in detrazione anche se pagate in contanti. Ma attenzione.

Per beneficiare della detrazione al 19% per visite specialistiche presso medici privati (psicologo, dentista, dermatologo ecc…) è necessario che sulla fattura sia apposta l’imposta di bollo da 2 euro.

L’imposta di bollo è obbligatoria sulle fatture esenti da Iva con importo superiore ai 77,47 euro e se addebitata al cliente e evidenziata in fattura stessa, anch’essa è detraibile.

Molto spesso, però, capita che il medico ne sia sprovvisto e tocca quindi al paziente acquistare una marca da bollo da due euro da apporre sulla fattura se si vuole portare in detrazione tale spesa.

Come sapere se dovete apporre la marca da bollo? Solo se la fattura ha un,importo superiore a 77,47 euro e nella stesa non è stata scorporata l’IVA. In tutti gli altri casi la marca da bollo non è necessaria.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Quando vi viene, quindi, rilasciata una fattura da un medico che riporti la dicitura “fattura esente dall’Iva ai sensi dell’articolo 57/59 modificato 208/2015 a 145/2018. Regime forfettario” controllate sempre se la marca da bollo è stata apposta, se dovesse mancare potrete apporla anche voi stessi in un secondo momento.