Detrazione spese sanitarie e rimborso Irpef: ecco a cosa fare attenzione

-
10/06/2019

Durante la compilazione della dichiarazione dei redditi è necessario fare attenzione alle spese sanitarie oggetto di rimborso, ecco perché.

Detrazione spese sanitarie e rimborso Irpef: ecco a cosa fare attenzione

Durante la compilazione della dichiarazione dei redditi è necessario fare attenzione alle spese sanitarie oggetto di rimborso. Come regola generale, le spese possono essere detratte al netto dei rimborsi ricevuti da enti o casse aventi fine assistenziale. Tuttavia è necessario tenere conto di una precisa distinzione in relazione ai contributi precedentemente versati per ottenere il rimborso delle spese
sanitarie.

Se tali contributi hanno concorso a formare il reddito imponibile, le spese (anche se rimborsate) sono detraibili. Pertanto, si considerano rimaste a carico del contribuente le spese rimborsate per effetto di contributi o premi di assicurazione versati dal contribuente e per i quali non spetta la detrazione d’imposta o deduzioni.

Al contrario, se tali contributi  (fino all’importo di 3.615,20 euro) non hanno contribuito a formare il reddito imponibile di lavoro dipendente, le spese rimborsate non sono detraibili. Lo stesso vale per i contributi associativi pagati, entro il limite di 1.300 euro, alle società di mutuo soccorso.

Leggi anche: Spese sanitarie false nel 730 e rimborso, ultime novità