Disdetta canone RAI, la domanda entro il 30 giugno 2018, ecco come fare

Ecco come fare la disdetta del canone RAI, la domanda va presentata entro il 30 giugno 2018, tutte le informazioni.

Se non si possiede più la televisione, è possibile fare la disdetta del canone RAI entro il 30 giugno 2018, vediamo come e quale modulo utilizzare.

Disdetta Canone Rai

L’Agenzia delle Entrate sul suo sito, ha pubblicato tutte le modalità e i tempi per presentare la disdetta del Canone Rai. Possono fare richiesta i contribuenti, titolari di un’utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale, se non detengono più apparecchi televisivi in alcuna dimora (ad esempio perché li hanno ceduti), devono presentare la dichiarazione sostituiva di non detenzione compilando e inviando questo modello – pdf (Quadro A).

E’ possibile scaricare qui il modulo: dich_sost+_mod

Non è più prevista la disdetta dell’abbonamento richiedendo il suggellamento dell’apparecchio tv.

Per richiedere l’esenzione, troverete le istruzioni qui: Modulo Esenzione Canone RAI

Disdetta Canone Rai: tempi di presentazione

La dichiarazione di non detenzione (Quadro A), per avere effetto per l’intero anno, deve essere presentata a partire dal 1° luglio dell’anno precedente ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento. La dichiarazione presentata dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno dell’anno di riferimento ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio-dicembre del medesimo anno.

Disdetta Canone Rai nell’anno 2018

Sempre il  sito dell’Agenzia delle Entrate fa un esempio l’anno 2018 su quando va presentata la dichiarazione:

  • dal 1° luglio 2017 al 31 gennaio 2018 esonera dal pagamento per l’intero anno 2018
  • dal 1° febbraio al 30 giugno 2018 esonera dal pagamento per il secondo semestre (luglio-dicembre 2018)

La dichiarazione sostitutiva (Quadro A) va presentata ogni anno se continua a sussistere la non detenzione dell’apparecchio tv.

Se si possiede un’altra utenza elettrica: ecco i termini di presentazione

La dichiarazione di presenza di altra utenza elettrica per l’addebito (Quadro B) può essere presentata in qualunque momento dell’anno e non deve essere ripresentata annualmente. Ha effetto, ai fini della determinazione del canone dovuto, in base alla data di decorrenza dei presupposti attestati.

Se i presupposti ricorrono dal 1° gennaio dell’anno di presentazione della dichiarazione sostitutiva il canone non è dovuto a partire dal primo semestre dell’anno.

Se i presupposti ricorrono dal 2 gennaio al 1° luglio dell’anno di presentazione della dichiarazione sostitutiva il canone non è dovuto a partire dal secondo semestre dell’anno.

Se i presupposti ricorrono da una data successiva al 1° luglio il canone non è dovuto a partire dal primo semestre dell’anno successivo.

Se i presupposti ricorrono da una data antecedente al 1° gennaio dell’anno di presentazione, può essere indicato, convenzionalmente, il 1° gennaio dell’anno di presentazione con effetto dal 1° semestre dell’anno di presentazione.

Canone Rai: siamo sudditi o liberi cittadini?

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.