Disoccupazione Naspi, quando la domanda e quando la decorrenza

-
09/06/2020

Indennità di disoccupazione Naspi: quando va presentata la domanda per il trattamento, quando è la decorrenza e dopo quanto arriva il primo pagamento?

Disoccupazione Naspi, quando la domanda e quando la decorrenza

La Naspi, o Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, è un’indennità di disoccupazione erogata a coloro che si sono trovati, involontariamente, disoccupati. L’indennità spetta a tutti i lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che hanno perduto il lavoro involontariamente (non possono accedervi i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni, gli operai agricoli, i lavoratori che hanno maturato i requisiti per la pensione di vecchiaia o anticipata e i lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità).

Naspi, domanda e decorrenza

Un nostra lettrice, proprio sull’indennità di disoccupazione, chiede:

Buonasera un’informazione. Il mio contratto di lavoro mi scade il 20. Volevo sapere se posso fare la domanda di disoccupazione adesso oppure devo aspettare la fine del contratto.. E dopo fatta la domanda quanto tempo passa per il primo pagamento. Grazie in anticipo

La domanda di disoccupazione può essere presentata solo dopo che il rapporto di lavoro è cessato. La risposta alla sua prima domanda, quindi, è che non può fare domanda di disoccupazione subito ma deve attendere la fine del contratto di lavoro.

Per quanto riguarda la decorrenza della misura bisogna fare un distinguo. Se la domanda di disoccupazione Naspi viene presentata entro l’ottavo giorno dalla cessazione del rapporto di lavoro la decorrenza della Naspi spetta a partire dall’ottavo giorno. Se la domanda di disoccupazione  viene presentata dopo l’ottavo giorno la decorrenza del trattamento spetta a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Da precisare che la decorrenza indica solo il giorno da cui si ha diritto al pagamento mentre lo stesso potrebbe arrivare anche il mese successivo per quello precedente. Indicativamente, quindi, di può dire che finendo lei il lavoro il 20, se presenta domanda entro il 28 giugno avrà decorrenza e diritto al pagamento dal 28 giugno. Le 3 giornate spettanti di giugno le potrebbero essere pagate già all’inizio di luglio. Solitamente il pagamento della Naspi avviene con un mese di ritardo rispetto al mese di spettanza.