Domanda di anticipo TFS pensionato quota 100: quanto si deve attendere?

-
12/08/2020

Anticipo TFS dipendenti statali: quanto ancora bisogna attendere per poter presentare domanda? Il ministro ha firmato accordo quadro.

Domanda di anticipo TFS pensionato quota 100: quanto si deve attendere?

L’anticipo del TFS erogato dalle banche è una misura di cui si attende l’attuazione ormai da oltre un anno e coloro che nel corso del 2019 hanno aderito alla pensione con quota 100, per i quali il TFS non arriva entro il massimo di 24 mesi previsto per chi accede alla pensione anticipata, ma potrebbe impiegare anche 6 anni ad essere liquidato, sono impazienti di presentare domanda di anticipo per ottenere il massimo di 45mila euro previsto dal decreto 4 del 2019.

Anticipo TFS statali

Un lettore, con una certa impazienza giustificata, scrive per chiedere:

Salve sono un ex dipendente pubblico pensionato con quota 100 (1° agosto 2019) 40 anni e 10 mesi. In riferimento ai Decreti Legge numero 04/2019 articolo 23 e il successivo DPCM attuativo n. 51/2020, vorrei sapere se posso fare la domanda di anticipo del tfs  OGGI, o devo aspettare, quando, secondo la Legge (Fornero) dovevo uscire con 42 anni e 10 mesi?. Grazie

Sicuramente ci sono gravissimi ritardi nell’attuazione dell’anticipo TFS che sarebbe dovuto entrare in vigore contestualmente alla pensione con la quota 100. Ma forze è bene essere ottimisti visto che l’entrata in vigore sembra essere in dirittura di arrivo.


Leggi anche: Bonus Irpef 100 euro 2021: perché 1,5 milioni di lavoratori rischiano la restituzione

L’attuazione della misura ha trovato moltissimi intoppi burocrati che ne hanno, necessariamente, allungato i tempi di entrata in vigore. Ma è proprio della settimana scorsa l’annuncio del Ministro Fabiana Dadone la quale conferma di aver sottoscritto l’accordo quadro con l’ABI.

Questo non significa che l’iter sia terminato ma è un ulteriore passo avanti verso l’entrata in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta lo scorso giugno.

Si attendono, ora, le firme del ministro del Lavoro e quella del ministro dell’Economia e delle Finanze per poter dire che l’iter burocratico della norma sia terminato. E’ questione di poco, assicurano, e poi sarà possibile presentare all’INPS la domanda per la certificazione del TFS e alle banche convenzionate quella per l’anticipo. L’iter tra presentazione della domanda ed erogazione dei soldi spettanti, in ogni caso, non dovrebbe richieder epiù di 90 giorni.

Per rispondere, infine, alla sua domanda, sicuramente potrà presentare domanda di anticipo TFS prima che la liquidazione dello stesso le spetti di diritto per aver raggiunto i requisiti richiesti dalla legge Fornero.