Domanda NASpl tramite patronati non è gratis, ecco le trattenute che non sai

-
29/07/2019

La domanda Naspi non è gratuita se presentata tramite Caf o padronati, Ecco il perché

Domanda NASpl tramite patronati non è gratis, ecco le trattenute che non sai

La presentazione della domanda NASpi tramite Patronati e Caf è tutt’altro che gratuita. L’assegno mensile sarà più leggero, in base a trattenuta che non conosci e che vengono detratte mensilmente dal tuo assegno, solo perché ti sei affidato ad un Caf o Patronato. La somma detratta non è bassa può arrivare anche fino a 30 euro mensile e anche di più, tutto dipende dall’importo che si percepisce. Un modo per risolvere il problema c’è, ecco come fare.

La domanda NASpI presso il CAF o patronato

La domanda di disoccupazione NASpi, presentata all’Inps, tramite la consulenza dal Patronato o Caf non è gratuita, anche se al momento dell’avvio della procedura non bisogna pagare nulla, ciò non vuol dire che è gratuita, la sorpresa si ha quando si percepisce l’assegno mensile.

Il patronato o il Caf, ha il diritto di trattenere una percentuale mensilmente sull’assegno mensile che il disoccupato percepisce, la cosiddetta trattenuta sindacale, per il servizio prestato.

Non molti sanno che per ottenere il servizio dal Caf o dal patronato dovrà pagare tale trattenuta mensilmente e che non è neanche un importo irrisorio. Infatti sono pochissimo i sindacati che informano i cittadini di questa trattenuta. La trattenuta sindacale viene detratta direttamente dall’Inps che opera la trattenuta direttamente sull’indennità di disoccupazione. La trattenuta è possibile visionarla nel dettaglio del pagamento, sulla propria sezione del sito INPS.


Leggi anche: Esame avvocato 2021: Ministero della Giustizia verso la doppia prova orale

La circolare INPS che stabilisce le percentuali spettanti ai sindacati

La percentuale da trattenere deve essere dichiarata in modo esplicito nell’atto di delega. La percentuale della trattenuta per la prestazione previdenziale e uguale per tutti gli iscritti all’Associazione.

A tal proposito si è sancito una convenzione tra Inps e la ASSOWELFARE (Associazione Nazionale Consulenze e Servizi Welfare) in cui si sono stabilite la misura di dette percentuali, come di seguito riportate:

  • 3 % NASPI;
  • 0,50 % ASDI;
  • 1 % DIS-COLL.
  • 0,50 % su CIG;
  • 1 % sui restanti trattamenti (trattamenti speciali di disoccupazione, indennità di mobilità e sussidio per lavori socialmente utili).

L’Inps verserà all’Associazione sindacale l’importo delle percentuale delle trattenute operate sui pagamenti effettuati, con quattro mandati di pagamento, nei mesi di aprile, luglio, ottobre e dicembre.

Circolare INPS

Prepensionamento e Naspi: cosa cambia con la circolare Inps