Domanda nuova Naspi, la vecchia fruita in parte incide?

-
31/08/2020

Avendo già fruito in una indennità di disoccupazione si avranno ripercussioni sulla nuova domanda di Naspi? Cerchiamo di capire come influisce.

Domanda nuova Naspi, la vecchia fruita in parte incide?

Per avere diritto alla Naspi è necessario essere in possesso di determinati requisiti contributivi, ovvero: possedere almeno 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’evento di disoccupazione e avere almeno 13 settimane di contribuzione accreditata nei 4 anni che precedono la perdita del lavoro.

Naspi nuova domanda

Un lettore scrive per chiedere:

Domanda:  devo FARE  domanda di accettazione  NASPI.  Ho  quattro anni  completi  di contributi  nei quattro anni precedenti,  ma esattamente  nel  settembre  2018  ho  usufruito  di cinque   giorni  di indennità  naspi.     Che  succede  se ad ottobre 2020 faccio  domanda  naspi  ?
Ho  diritto  a 2 anni  di NASPI  oppure  quei 5 giorni  di NASPI  nel settembre  2018 mi rovinano la  futura NASPI?
a chi mi  sa rispondere  grazie 

Ad ottobre 2020, quando si troverà senza lavoro potrà presentare nuova domanda di indennità di disoccupazione. Saranno presi in considerazione gli ultimi 4 anni utili e, quindi, anche le 5 giornate di Naspi che non si neutralizzano.

A questo punto cosa succede? Che se ha tutti e 4 gli anni lavorati, considerando anche i 5 giorni di naspi, le spetterebbero 24 mesi di Naspi al termine del nuovo lavoro a cui, però deve sottrarre le 5 giornate di Naspi già fruita nel 2018.

In sostanza, quindi, la vecchia Naspi le ridurrà leggermente sia il calcolo dell’indennità mensile spettante sia la durata dell’indennità stessa, ma avendo fruito soltanto di 5 giorni della precedente Naspi, la riduzione sarà talmente lieve che non ne risentirà affatto.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Più corposa sarebbe stata la riduzione sia della durata che dell’importo se, ad esempio, avesse fruito non di 5 giorni ma di 5 mesi, in quel caso oltre a ridurre considerevolmente l’importo spettante a livello di indennità, la Naspi precedente avrebbe ridotta l’attuale di ben 5 mesi.

In ogni caso, per ogni domanda di indennità di disoccupazione presentata vengono presi in considerazione sempre gli ultimi 4 anni precedenti all’evento di disoccupazione detraendo, poi,dalla Naspi spettante quella già fruita.

Per approfondire consiglio la letture dell’articolo: Decorrenza Naspi: pagamento in base alla domanda