Domanda riscatto laurea, è un impegno vincolante?

-
31/07/2020

Domanda di riscatto laurea: è vincolante presentarla oppure si può decidere di non pagare l’onere richiesto se risulta essere troppo alto?

Domanda riscatto laurea, è un impegno vincolante?

Il riscatto laurea serve a valorizzare ai fini previdenziali i periodi spesi per giungere alla laurea. Valido solo per la durata legale del percorso di studi, e non per gli anni fuori corso, la domanda di riscatto laurea si può presentare soltanto per i periodi non già coperti da contribuzione.

Riscatto laurea: è vincolante?

Un lettore scrive per chiedere:

Domanda: se inoltro la domanda mi impegno a prescindere? Io vorrei inoltrate la domanda all’INPS, ma poi decidere in base a quanto e come versare. Insomma la domanda decade se non si versa? Grazie di cuore.

Quando si presenta domanda di riscatto laurea non si è vincolati a prescindere a versare l’onere del riscatto. Molto spesso, infatti, la domanda di riscatto viene accolta solo anni dopo la presentazione e il richiedente può anche decidere che, magari son variate le condizioni e non gli interessa proseguire nella richiesta.

In ogni caso, può presentare domanda per il riscatto laurea, all’accoglimento della stessa l’INPS le invierà tutta la documentazione comprensiva anche dell’importo complessivo da pagare e della scadenza dei versamenti da effettuare.

Se alla data di scadenza del versamento della prima rata, o del pagamento in un’unica soluzione, il richiedente non provvede, la domanda si intende decaduta automaticamente senza bisogno di ulteriori comunicazioni. La decadenza della domanda di riscatto laurea, in ogni caso, non preclude la possibilità di presentare altra domanda successivamente ma in questo caso è da tenere presente che il nuovo onere sarà ricalcolato sulla base delle mutate condizioni retributive, contributive e di età del richiedente.

Se non paga, quindi, la prima rata del riscatto la domanda presentata decade da sola senza bisogno di ulteriori interventi da parte sua. Ma se un domani decidesse di presentare nuova domanda deve farlo con la consapevolezza che l’importo che le sarà richiesto potrebbe essere più alto rispetto a quello dovrebbe pagare con una domanda presentata oggi.

In conclusione, quindi, la sola domanda di riscatto non è affatto vincolante e può presentarla anche soltanto per farsi un’idea di quale potrebbe essere l’onere che l’operazione le richiede e decidere solo in un secondo momento se pagarlo oppure no.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: a maggio i beneficiari crescono del 16%, ma resta l’allarme povertà