Durc con la rottamazione ter: ecco come ottenerlo

I contribuenti possono ricevere il certificato Durc aderendo alla rottamazione ter? Ecco tutte le novità

L’Inps con il messaggio 4844/2018 chiarisce che i contribuenti che aderiscono alla rottamazione ter hanno diritto al Durc. Il passaggio parlamentare ha esteso anche alla rottamazione ter la possibilità di ottenere il rilascio del documento unico di regolarità contributiva nel caso di aderisce al provvedimento di definizione agevolato come prevede l’articolo 54 del decreto legge 50/2017.

Quindi, possiamo dire che il rilascio del Durc è stato esteso esplicitamente a chiunque aderisce alla rottamazione ter.

Durc e rottamazione ter: chi lo può richiedere

Anche chi ha aderito alla precedente rottamazione e non è riuscito a mettersi in regola con il pagamento delle rate, possono aderire alla rottamazione ter. L’Inps specifica che il rilascio del documento di regolarità contributiva può essere rilasciato con esito di regolarità grazie alla adesione alla rottamazione ter.

Questo vale anche la rottamazione bis, solo in seguito alla regolarizzazione effettuata entro il 7 dicembre 2018 delle rate di luglio, settembre e ottobre 2018. Di conseguenza i contribuenti che richiedono di usufruire della rottamazione ter hanno diritto al Durc, inclusi coloro che erano decaduti per non aver pagato le rate delle precedenti rottamazioni.

Durc e rottamazione ter: chi lo ottiene

Un contribuente che non ha perfezionato il pagamento della rottamazione con le rate previste, non è in regolarità contributiva. Può richiedere il Durc solo nel momento in cui aderisce alla rottamazione ter. Invece per chi avevano aderito alla definizione agevolata bis (2017-2018), va soddisfatta anche la condizione di aver pagato entro il 7 dicembre 2018 le rate fino a ottobre 2018.

Come sappiamo la rottamazione ter prevede un piano di pagamento distribuito su cinque anni, in 18 rate. Le prime due rate vanno scadono nel 2019, precisamente il 31 luglio e 30 novembre 2019.  In seguito ci sono altre 4 rate, di pari importo, per 4 anni, le scadenze sono:  28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre.

Super Rottamazione 2019: quali debiti sono inclusi ed quali sono esclusi

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.