Esenzione Ticket sanitario codice E03 per pensionati: chiarimenti e novità 2019

-
18/06/2019

Esenzione ticket sanitario con il codice E03 per i pensionati e il loro nucleo familiare: ecco quando spetta e come richiedere il certificato provvisorio.

Esenzione Ticket sanitario codice E03 per pensionati: chiarimenti e novità 2019

L’esenzione del ticket sanitario con il codice E03, fa parte del gruppo delle esenzioni per reddito: E01 -E02 – E03 – E04. Abbiamo già analizzato i codici di esenzione ticket sanitari E01 e E02, adesso analizziamo quando e come è possibile fruire dell’esenzione E03.

Esenzione Ticket sanitario E03

L’esenzione del ticket sanitario con codice E03 è riservata ai titolari di pensioni sociali e i loro familiari a carico, che percepiscono un reddito annuo inferiore: a 2.840,51 euro se superiore a 24 anni; a 4.000 euro per i figli inferiori a 24 anni. L’esenzione del ticket sanitario è riconosciuta per tutte le prestazioni di diagnostica strumentale e di laboratorio, visite mediche specialistiche ed esami ambulatoriali.

Il medico all’atto della compilazione della ricetta medica dovrà controllare la presenza del nominativo dell’assistito nell’elenco dei cittadini autorizzati all’esenzione del ticket sanitario con il codice E03. Se il richiedente non è inserito nella lista significa che non si ha diritto all’esenzione.

Novità ticket sanitario: rinnovo annuale solo per alcuni codici di esenzione entro il 30 giugno

Certificato provvisorio 

Se il paziente pensa di avere i requisiti e il diritto all’esenzione Eo3, allora può chiedere un certificato provvisorio di esenzione, presentando un’autocertificazione alla ASL di appartenenza. L’asl per il rilascio del certificato provvisorio alla domanda bisogna allegare la seguente documentazione:

  • Copia documento di identità valido;
  • Tessere con codice fiscale di tutti i richiedenti del nucleo familiare;
  • Autocertificazione per il diritto all’esenzione ticket per reddito, in cui saranno indicati i dati personali e i redditi del nucleo familiare.


Leggi anche: Pensioni anticipate per lavoratori precoci: entro oggi 1° marzo 2021 la domanda per la certificazione dei requisiti

Dopo opportune verifiche, l’Asl rilascerà il certificato provvisorio che sarà valido per un anno. Il certificato dovrà essere consegnato al medico curante che dovrà inserirlo nelle ricette mediche per poter avere l’esenzione dal pagamento.