Esterometro 2019: scadenza mensile del 31 maggio 2019

-
30/05/2019

Esterometro 2019 scadenza del 31 maggio 2019. Ecco i soggetti obbligati alla trasmissione

Esterometro 2019: scadenza mensile del 31 maggio 2019

Dal 1° gennaio 2019 è stata introdotta la fattura elettronica, e con essa anche altre novità, come l’abolizione dello Spesometro ma sopratutto l’introduzione dell’Esterometro. Proprio su di quest’ultimo vogliamo porre l’attenzione, in quanto si avvicina il termine ultimo per l’invio dei dati riguardando le fatture estere di aprile: il 31 maggio 2019.

Esterometro 2019: che cos’è e la sua scadenza

L’esterometro 2019 è un documento che riguarda la comunicazione dei dati delle fatture emesse o ricevute per le operazioni transfrontaliere, cioè verso e da soggetti esteri non stabiliti nel territorio dello Stato. Tale procedura si conclude con la comunicazione in modo telematico all’Agenzia delle Entrate tramite un software specifico e rispettando determinate scadenze.

La prossima scadenza è il 31 maggio 2019 e riguarda tutte le operazioni registrate nel mese di aprile. Tale termine dovrà essere rispettato dai soggetti titolari di partita Iva che nel mese di aprile hanno emesso o ricevuto fatture da o verso l’estero. Le operazioni che vanno comunicate sono prettamente quelle di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, gli operatori Iva sono quindi obbligati alla trasmissione telematica delle fatture transfrontaliere, ma non a quello di emissione di fattura elettronica, in questi casi.

Esterometro 2019: chi e quali transazioni sono esonerate

Ci sono operazioni che sono esonerate dalla comunicazione dell’Esterometro. Vediamo nello specifico quali sono.

I soggetti esclusi dall’obbligo di invio dell’Esterometro sono i professionisti in: regime forfettario; regime di vantaggio; produttori Agricoli in regime di esonero.

Dono esclusi, anche, gli enti sottoposti a regime dell’ex legge 381 del 1991, come le Associazioni Sportive Dilettantistiche con un volume di affari non superiore ai 65.000 euro. In più, sono esclusi, chi ha l’obbligo di inviare i dati fiscali tramite il Sistema della Tessera Sanitaria e cioè Medici, Farmacisti ecc.

Le operazioni accompagnate da bolle doganali o da fattura elettronica sono anche esse escluse dall’Esterometro.

Esterometro 2019: i dati da trasmettere

L’Esterometro deve contenere le stesse le informazioni che riportano le fatture elettroniche, cioè:


Leggi anche: Pensioni e quota 100: con cristallizzazione anche dal 2022

  • i dati identificativi di chi emette e riceve la fattura;
  • la data del documento comprovante l’operazione;
  • la data di registrazione (per i soli documenti ricevuti e le relative note di variazione);
  • il numero del documento;
  • la base imponibile;
  • l’aliquota Iva applicata e l’imposta, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Esterometro: scadenza 31 maggio 2019

Come abbiamo già detto, la scadenza mensile dell’Esterometro è il 31 maggio 2019 e riguarda tutte le operazioni registrate nel mese di aprile 2019. Questa non sarà l’unica scadenza da ricordare, in quanto i soggetti obbligati all’invio della comunicazione delle operazioni transfrontaliere è a cadenza mensile, ed è fissata entro l’ultimo giorno utile del mese successivo alla data del documento emesso o ricevuto.

Liquidazione IVA spostata al 10 aprile, Spesometro al 30 aprile ed Esterometro al 31 maggio