Fattura elettronica 2019, adesione e memorizzazione, le ultime novità

-
29/12/2018

Fatture elettroniche dal 1° gennaio 2019, cosa succede se emesse al 31 dicembre 2018, vi è l’obbligo? Novità anche sull’adesione e memorizzazione.

Fattura elettronica 2019, adesione e memorizzazione, le ultime novità

Fattura elettronica dal 1° gennaio 2019, con il provvedimento del 21 dicembre 2018 l’Agenzia delle Entrate dà attuazione alle soluzioni individuate nell’ambito del tavolo tecnico con il Garante per la protezione dei dati personali, definendo ulteriori misure di sicurezza, rispetto a quelle già disposte con il provvedimento del 30 aprile 2018.

Memorizzare le fatture elettroniche senza consenso

Nel provvedimento si legge che non sarà possibile per l’Agenzia memorizzare le fatture elettroniche senza l’assenso esplicito dei
soggetti interessati. Saranno i contribuenti a dare l’assenso, anche tramite intermediari delegati, alla funzionalità gratuita di consultazione e download delle fatture elettroniche resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate. L’adesione sarà espressa con la firma di uno specifico accordo di servizio che sarà pubblicato nell’area riservata del sito web dell’Agenzia entro il 3.05.2019. In assenza di adesione, l’Agenzia memorizzerà e renderà consultabile e scaricabile l’e-fattura solo fino all’avvenuto recapito al destinatario. Una volta consegnata la fattura saranno memorizzati esclusivamente i dati rilevanti ai fini fiscali, che saranno raccolti e archiviati in una banca dati separata e trattati per le attività istituzionali. Questi dati saranno cancellati entro il 31.12 dell’ottavo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione di riferimento. Se almeno una delle parti tra emittente e destinatario aderirà al servizio facoltativo, l’Agenzia memorizzerà la fattura nella sua interezza, rendendola disponibile per la consultazione e lo scarico solo a chi avrà aderito al servizio. Potranno aderire anche i consumatori
finali che, quindi, avranno la possibilità di accedere, all’interno della propria area riservata sul sito web dell’Agenzia, alle e-fatture ricevute. Fino al 2.07.2019, termine ultimo per effettuare l’adesione al servizio, l’Agenzia memorizzerà temporaneamente le fatture elettroniche e le renderà disponibili in consultazione, su richiesta, all’emittente, al destinatario o a loro intermediari delegati. Se non si aderisce, l’Agenzia cancellerà le fatture elettroniche memorizzate durante il periodo transitorio e  manterrà solo i dati di natura fiscale, che saranno raccolti e archiviati nella banca dati separata.

Obbligo di fatturazione elettronica ed emissione fattura

Dal momento da cui decorre l’obbligo della fattura elettronica (art. 1, c. 916 della legge di Bilancio 2018 – legge 27.12.2017 n. 205), è legato all’effettiva emissione della fattura. Nel caso rappresentato, se la fattura è stata emessa e trasmessa nel 2018 in modalità cartacea ed
è stata ricevuta dal cessionario/committente nel 2019, la stessa non sarà soggetta all’obbligo della fatturazione elettronica. Ovviamente, se il contribuente dovesse emettere una nota di variazione nel  2019 di una fattura ricevuta nel 2018, la nota di variazione dovrà essere emessa in via elettronica (faq Agenzia delle Entrate).

Fattura elettronica e imposta di bollo (virtuale o no?) i chiarimenti dell’Agenzia