Fattura elettronica 2019: quali sono i costi di archiviazione?

Dal 1° gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo della fatturazione elettronica quindi non basterà più la semplice fattura in formato cartaceo o in formato digitale.

Fattura elettronica 2019: scambio di dati

La fattura è un documento in cui vengono riportati tutti i dati fiscali del prestatore di un servizio o del venditore di un bene e i dati del cliente. La fattura contiene anche i dati che riguardano il bene o il servizio prestato. Inizialmente la fattura era in formato cartaceo poi con andar degli anni e con lo sviluppo tecnologico è stato possibile redigerla anche in formato digitale. Questa viene inoltrata tramite e-mail e in altri casi anche in formato PDF.

Con l’introduzione della fattura elettronica si supera anche questa fase, infatti lo scambio tra il cliente e fornitore non è più corrisposto da un documento digitale con lo scambio di file digitali contenenti dati relativi a una compravendita ma ora c’è solo lo scambio di dati elettronici che riguarda la vendita o la prestazione del servizio.

Questi dati elettronici vengono scambiati solo attraverso degli strumenti specializzati. Infatti, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un software gratuito per ricevere e conservare le fatture.

Per i titolari di partita IVA comunque è sempre meglio entrare in possesso di un sistema più adatto alle proprie esigenze. Non c’è bisogno di fare molti investimenti, per questo, infatti molte aziende o istituzioni mettono diverse versioni di software a disposizione in modo gratuito.

Fatturazione elettronica 2019: la conservazione

Anche per le fatture elettroniche come quella cartacea si ha l’obbligo di conservazione per 10 anni. Per le fatture elettroniche la conservazione avviene in modo diverso, incide anche il costo del software di gestione per la conservazione.

Mediamente per ogni sistema di archiviazione, per le diverse tipologie di programmi, vi è un costo medio di archiviazione di circa €1,50 per ogni fattura. In base a ciò che ha analizzato l’Osservatorio sulla fatturazione elettronica del Policlinico di Milano, i titolari di partita IVA potranno risparmiare fino a 11,50 euro per ogni fattura. Sicuramente una buona notizia per tutte quelle aziende che mettono migliaia di fatture ogni anno.

Bollo fattura elettronica 2019: qual è l’importo e come si paga

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.