Fattura elettronica: acquisto carburante i dati da fornire

-
21/08/2019

Fattura elettronica: i possessori di partita Iva e professionisti all’acquisto dei carburanti devono far richiesta della fattura. Ecco i dati necessari

Fattura elettronica: acquisto carburante i dati da fornire

Per l’acquisto dei carburanti le Partite IVA devono far richiesta della fattura elettronica. L’obbligo della fatturazione elettronica è entrata in vigore dal primo gennaio 2019 e comprende anche le operazioni di vendita di carburante a titolari di partita Iva. Per poter detrarre il costo del carburante e quindi di beneficiare delle agevolazioni fiscali previste, è importante che la documentazione sia redatta in modo in base il rifornimento di carburante sia per l’emissione della fattura elettronica sia attraverso il pagamento con mezzi tracciabili. Quindi professionisti e Imprese qualora acquistano carburante per lo svolgimento della loro attività d’impresa o professionale devono richiedere la fattura elettronica ai gestori. È compito dell’acquirente fare richiesta esplicita della fattura elettronica al rivenditore, il quale è obbligato a trasmetterla in formato XML tramite il Sistema di Interscambio (SDI) gestito dall’Agenzia delle Entrate.

Fattura elettronica per acquisto carburante: dati necessari

I possessori di Partita IVA al momento dell’acquisto del carburante devono richiedere la fattura elettronica al gestore e quindi devono fornire i seguenti dati fiscali essenziali:

  • partita IVA;
  • targa del veicolo;
  • codice destinatario o in alternativa indirizzo PEC collegato alla Partita IVA.

Nel caso si faccia rifornimento ad un self-service, bisogna richiedere la ricevuta automatica e presentarla al gestore. Questa riporta diverse informazioni utili per l’emissione della fattura, come: il numero di pompa, la data del rifornimento, la tipologia di carburante, la quantità dello stesso e l’importo pagato.

Ricezione fattura elettronica per acquisto carburante

Il gestore, quindi ha il compito di emettere fattura elettronica e di inviarla come richiesto dall’acquirente. Nel caso in cui si utilizza una carta carburante per l’acquistato è possibile ricevere una fattura unica complessiva che riassume tutti i rifornimenti effettuati durante l’arco di un mese. La carta carburante è uno strumento elettronico tracciabile che prevede dei costi fissi.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Fatturazione Elettronica: web app di Aruba

Per poter gestire in modo pratico le varie fasi del processo della fattura elettronica, Aruba ha predisposto una soluzione semplice e intuitiva. Tramite la Web App “Fatturazione Elettronica” si può gestire la fase di creazione, invio, recezione, e conservazione del ciclo attivo e passivo della fatturazione elettronica. Per ricevere le fatture elettroniche sull’applicazione Web di Aruba bisogna semplicemente comunicare il codice destinatario KRRH6B9 ai fornitori.

La Web App rispetta totalmente la normativa e garantisce elevati standard di sicurezza, con un capiente spazio di archiviazione e molte impostazioni personalizzabili.

La “Fatturazione Elettronica” di Aruba non necessita di alcuna installazione di software e permette di accedere a numerose funzionalità:

  • creazione guidata di fatture elettroniche in formato XML;
  • verifiche di compilazione (controlli XSD ed extraschema);
  • apposizione della firma elettronica (CAdES) su tutte le fatture;
  • invio delle fatture attraverso SDI e trasmissione di comunicazioni finanziarie (spesometro, liquidazione IVA);
  • ricezione delle fatture elettroniche, visualizzazione delle anteprime e archiviazione;
  • gestione delle notifiche ricevute dal SDI;
  • conservazione a norma dei documenti fiscali.

Carburanti: fattura elettronica bisogna indicare la targa?