Fattura elettronica differita potrà essere ancora emessa, le ultime novità

Dal 1° gennaio 2019 sarà obbligatoria la fattura elettronica, molti gli scenari e le difficoltà. I chiarimenti arrivano sulla fattura elettronica differita, che potrà continare a essere emessa secondo la normativa vigente. Infatti, secondo l’art. 21, c. 4, lett. a) D.P.R. n. 633/1972, per le cessioni di beni la cui consegna e spedizione risulta da documento di trasporto e per le prestazioni di servizio individuabili attraverso idonea documentazione, effettuate nello stesso mese solare e nei confronti dello stesso cliente, è possibile emettere una sola fattura entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni.

Fattura elettronica differita: cosa si potrà fare e cosa no

Facciamo l’esempio, di una fattura differita elettronica emessa il 15.02.2019 dovrà essere datata 15.02.2019, non potrà più essere datata il 31.01.2019 e dovrà concorrere nella liquidazione del mese di gennaio. La prassi utilizzata precedentemente, già non era conforme al dettato normativo.

Il problema della fattura elettronica, è legato  all’emissione della fattura in un mese e alla sua partecipazione alla
liquidazione del mese precedente si risolve con un’adeguata impostazione contabile del relativo software gestionale.

Molti i dubbi sul valore giuridico della fattura elettronica, è bene precisare che nulla cambia dal formato elettronico a quello cartacio. Come si è evidenziato il formato elettronico evita incertezze sui tempi di emissioni del documento o sulla stessa ricezione. 

Leggi anche: Fattura elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019: vantaggi e svantaggi, tutte le novità

fattura elettronica

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.