Fattura elettronica esenzione per il forfettario e non solo, le ultime novità

-
21/12/2018

Le ultime novità sulla fattura elettronica con i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni aspetti sul regime forfettario.

Fattura elettronica esenzione per il forfettario e non solo, le ultime novità

Sembra ci siano ancora difficoltà nella fatturazione elettronica delle cooperative agricole per conto dei soci, soprattutto in relazione alla numerazione e alla conservazione elettronica da parte del socio. Per quanto riguarda la numerazione, la scelta adottata nei programmi di fatturazione elettronica è quella di numerare le fatture dei soci progressivamente per socio, il quale avrà una numerazione
specifica per le fatture emesse per loro conto; le fatture, pertanto, saranno registrate in ordine progressivo in un apposito sezionale.

Tuttavia, nel caso in cui la cooperativa intendesse adottare la numerazione progressiva generale per tutti i soci, questi dovrebbero attribuire un numero di protocollo alle fatture e tenere una contabilità sezionale per non confondere la numerazione progressiva per
fatture extra – cooperativa con la protocollazione delle fatture emesse dalla cooperativa.

Con riferimento alla conservazione, non è chiaro come il socio possa procedere alla conservazione in formato elettronico, poiché sarebbe necessario che il Sistema di Interscambio rendesse disponibile per il socio una copia del file Xml nella sua area riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Risposta Fattura elettronica: risposta dell’Agenzia delle Entrate

Nella risposta al question time n. 5-01132 il Sottosegretario all’Economia, dopo aver ricordato che il quadro normativo attuale relativo alla fattura elettronica esenta dall’obbligo i contribuenti che aderiscono al regime forfettario, dei minimi e le imprese agricole di piccole dimensioni, e che l’obbligo del nuovo sistema di fatturazione non rappresenta un aggravio di costi per gli operatori economici, ha
escluso un trattamento differenziato per gli agricoltori.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato, nella relativa area dedicata del proprio sito Internet, nuove risposte alle domande più frequenti relative alla fatturazione elettronica. In particolare, è stato precisato che nel caso in cui il cessionario riceva una fattura elettronica per una partita di merce mai ricevuta, potrà rifiutarla o contestarla comunicando direttamente con il cedente, mentre non è possibile veicolare
alcun tipo di comunicazione di rifiuto o contestazione attraverso il canale Sdi.

Fonte: IlSole24ore, ItaliaOggi