Fattura elettronica per carburante, indicazione della targa dell’auto

-
07/02/2019

Fattura elettronica per rifornimento carburante, l’indicazione della targa dell’auto è facoltativo? Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate

Fattura elettronica per carburante, indicazione della targa dell’auto

L’indicazione della targa dell’auto nella fattura elettronica per carburante, è facoltativa? Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2019, affermando che nei rifornimenti di carburante è facoltativa l’indicazione della targa nella fattura elettronica. Tuttavia, resta la possibilità di inserire questo dato nel campo degli “Altri Dati Gestionali”. La riferibilità al contribuente per la deducibilità del
costo e di detraibilità dell’Iva non è quindi conseguente all’indicazione della targa in fattura, ma all’utilizzo obbligatorio di un mezzo di pagamento tracciabile.

Rifornimenti di carburante fuori dall’orario di servizio

In occasione di Telefisco è stato affrontato il tema del rifornimento di carburante fuori dall’orario di servizio, nel caso in cui la macchina non sia in grado di leggere il Qr-code di chi sta operando l’acquisto. In questo caso la rilevanza del costo, sia per l’Iva che per i redditi, è riconosciuta solo in presenza di fattura elettronica, anche nel caso in cui il pagamento sia avvenuto con uno strumento tracciabile. È
necessario che il cessionario conservi le ricevute di pagamento.

Fattura elettronica 2019: sanzioni per tardiva emissione e versamenti liquidazione IVA