Fattura elettronica, previsto regime transitorio fino al 30 giugno 2019

-
01/11/2018

Fattura elettronica obbligatoria dal 1° gennaio 2019, previsto un regime transitorio dal 1° gennaio 2019 al 30 giugno 2019, tutte le novità.

Fattura elettronica, previsto regime transitorio fino al 30 giugno 2019

Novità in materia di fatturazione elettronica con il decreto n. 119/2018, che ha previsto un regime transitorio dal 1.01.2019 al 30.06.2019, secondo il quale gli operatori che al 1.1.2019 non saranno ancora in grado di emettere le fatture elettroniche, avranno la possibilità di emetterle in ritardo. In particolare, il contribuente potrà emettere tardivamente il documento senza sanzioni, entro la liquidazione relativa al
momento di effettuazione dell’operazione. Al contrario, è prevista l’applicazione di una sanzione al 20%, se l’emissione è ritardata alla liquidazione successiva.

Leggi anche: Fattura elettronica anche nel condominio dal 01 gennaio 2019

Emissione della fattura elettronica entro le 24 ore

Dal 1.07.2019 il legislatore risolverà i problemi creati dalla precedente normativa che prevede l’emissione delle fatture entro le ore 24 del giorno di effettuazione dell’operazione. Si prevede un margine massimo di 10 giorni, tra il momento di effettuazione dell’operazione e il momento di emissione della fattura. Se, ad esempio, un professionista riceverà un pagamento per servizi resi il 28.08.2019, potrà emettere la fattura entro il 7.09. Ovviamente dovrà liquidare l’imposta entro il 16.09.

Eliminato l’obbligo del numero di protocollo progressivo

 È stato, inoltre, eliminato anche l’obbligo di inserire nella fattura passiva ricevuta il numero di protocollo progressivo. L’adempimento dell’integrazione in fattura del numero di protocollo, attribuito tramite l’annotazione del documento nel registro delle fatture d’acquisto, è stato cancellato perché la fattura elettronica, al momento in cui entra nel sistema di interscambio dell’agenzia delle Entrate, sarà
identificata in modo univoco dal sistema, con l’attribuzione di un numero identificativo.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti