Fatturazione elettronica 2019: la data di ricezione è uguale alla data di messa a disposizione?

-
20/02/2019

In quali casi la data di recazione della fattura elettronica coincide con la data di messa a disposizione? Ecco le novità dall’Agenzia dell’Entrate

Fatturazione elettronica 2019: la data di ricezione è uguale alla data di messa a disposizione?

Dall’entrata in vigore della fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019 ci sono state molti chiarimenti di procedure, che si sono evidenziati con l’utilizzo di questo strumento. L’ultimo riguarda infatti la coincidenza della data di ricezione della fattura elettronica con la data di messa a disposizione.

Molti utenti infatti si domandano se realmente la data di ricezione della fattura elettronica corrisponde alla data di messa a disposizione o alla data di presa visione del documento.

Facciamo un po’ di chiarezza, con questo articolo.

Il Sistema di Interscambio, che è il sistema che porta a destinazione le fatture elettroniche, recapita la fattura al soggetto ricevente, dopo le dovute verifiche, dopo di che in seguito all’esito positivo di recezione, invia al soggetto trasmittente una ricevuta di consegna della fattura elettronica che contiene anche l’informazione della data di ricezione da parte del destinatario.

Fatturazione elettronica 2019: cosa succede quando la fattura non viene recapitata?

Nel caso in cui non fosse possibile recapitare la fattura, per questi motivi:

  • il valore riportato nel campo “CodiceDestinatario” sia inesistente;
  • cause tecniche che non sono possibili imputare al SdI, come ad esempio la casella PEC piena o non attiva;
  • il soggetto passivo IVA cessionario/committente non abbia comunicato il codice destinatario o la PEC attraverso cui intende ricevere la fattura elettronica dal SdI.

Il SdI mette a disposizione del cessionario/committente la fattura elettronica nella sua area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate, ciò viene comunicato al soggetto trasmittente informandolo anche della data di messa a disposizione. A questo punto è il soggetto trasmittente che deve informare il cessionario/committente dell’avvenuta messa a disposizione della fattura nella predetta area riservata.

Fatturazione elettronica 2019: qual è la data di recezione?

Nel caso suddetto, ai fini fiscali la data di ricezione della fattura è la stessa data di presa visione della fattura sul sito web dell’Agenzia delle entrate da parte del cessionario/committente.  Quindi:

Data di ricezione = Data di presa visione.

Invece la data di ricezione coincide con la data di messa a disposizione, quando sono messe a disposizione nell’area riservata della fattura se:

  • il soggetto cessionario/committente sia un consumatore finale;
  • il soggetto cessionario/committente sia un soggetto passivo che rientra nel cosiddetto “regime di vantaggio”, sia un imprenditore agricolo o un forfettario.

Data di ricezione = Data di messa a disposizione della fattura nell’area riservata

Fattura elettronica 2019: codice fiscale e codice TD20&#8243 o TD1, chiarimenti