Fatturazione elettronica, AIDC: occorre ancora lavorare su semplificazioni e premialità

-
20/02/2019

Fatturazione elettronica, AIDC: “Rendiamo merito ad Agenzia delle Entrate e Sogei per quanto fatto, ma occorre ancora lavorare su semplificazioni e premialità”

Fatturazione elettronica, AIDC: occorre ancora lavorare su semplificazioni e premialità

Fatturazione elettronica, AIDC: “Rendiamo merito ad Agenzia delle Entrate e Sogei per quanto fatto, ma occorre ancora lavorare su semplificazioni e premialità”
 
A meno di due mesi dall’introduzione della fattura elettronica, l’Associazione Italiana Dottori Commercialisti (AIDC) dà atto del positivo operato dell’Agenzia delle Entrate – e del suo braccio informatico Sogei – e del MEF, ma chiede maggiore dialogo e ulteriori migliorie sul piano tecnico e giuridico. 

“Nonostante AIDC si sia più volte trovata in passato in dissenso rispetto all’operato dell’AdE e del MEF, dobbiamo oggi, con pari onestà intellettuale, rendere merito dello sforzo compiuto dall’Agenzia delle Entrate e dalla Sogei nel progettare ed implementare efficacemente un sistema di eccezionale complessità. Il paventato caos che avrebbe dovuto portare con sé l’introduzione della fatturazione elettronica – e che ha visto l’AIDC in prima linea contro eventuali differimenti e proroghe – è stato smentito dai fatti. 

Ciò anche a  testimonianza di come ancora una volta i Dottori Commercialisti abbiano svolto un ruolo determinante nell’introduzione di un nuovo adempimento, tecnicamente complesso, che ha richiesto investimenti di tempo e denaro, oltre che una serrata attività di formazione verso gli imprenditori che si affidano a noi”.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Per l’Associazione Italiana Dottori Commercialisti “è innegabile che molte sono le cose ancora da perfezionare, sia sul lato tecnico che su quello giuridico: vanno introdotte in particolare serie semplificazioni e premialità. A tal fine ribadiamo fortemente la necessità di un dialogo concreto, serio, permanente e fattivo con le istituzioni e le rappresentanze dei Dottori Commercialisti”.