Fatture elettroniche: per la consultazione bisogna dare il consenso all’Agenzia delle Entrate

-
04/07/2019

Servizio di consultazione e memorizzazione fatture elettroniche, l’Agenzia chiarisce che il contribuente deve dare il consenso.

Fatture elettroniche: per la consultazione bisogna dare il consenso all’Agenzia delle Entrate

Fatture elettroniche: per effetto delle osservazioni del Garante della privacy, l’Agenzia delle Entrate, dopo l’avvenuto recapito della fattura elettronica al destinatario, deve cancellare i dati dei file delle fatture e memorizza solo i dati fattura di cui al punto 1.2 del provvedimento 21 dicembre 2018. Per poter continuare a gestire i dati complessivi delle fatture, l’Agenzia, infatti, necessita dell’adesione al servizio di consultazione e memorizzazione da parte del contribuente.

Fatture elettroniche: il consenso permette di fruire dei servizi gratuiti

Tale consenso può consentire a quest’ultimo di fruire dei servizi gratuiti, massimizzando il processo di dematerializzazione delle fatture, ma può svelare all’Agenzia una serie di informazioni che potrebbero essere utilizzate per la selezione e analisi del rischio.

Fattura elettronica e controlli del Fisco per il lavoro in nero: ecco come funziona