Ferie aziendali: calcolo, maturazione e richiesta (guida completa)

Le ferie aziendali è uno dei diritti dei lavoratori sancito dalla Costituzione con l’art. 36, comma 3 e regolamentato dal Codice Civile dal Dlgs 66/2003 e successive modifiche. Le ferie sono un diritto del lavoratore che non può rinunciare, in quanto le ferie hanno lo scopo di rigenerare le energie fisiche e psichiche usurate durante l’attività lavorativa.

Ecco una piccola guida per capire in che modo maturano e come vengono calcolate.

Maturazione ferie

Ogni lavoratore ha diritto a un minimo di 4 settimane di ferie, come disciplinato dall’art. 10, D.Lgs. n. 66/2003, ossia 28 giorni di ferie. Questo periodo può aumentare in base ai contratti di lavoro.

II numero di giorni di ferie matura pro quota nel tempo in base ai mesi di lavoro, questi maturano anche duranti alcuni periodi di assenza dovuti ad esempio per maternità, concedo matrimoniale, malattie o ferie.

In conclusione, la quantità di maturazione dipende dal CCNL applicato in azienda. Quindi per capire precisamente quale sia il calcolo della maturazione delle ferie bisogna consultare il CCNL che potrebbe apportare anche delle differenze in base all’anzianità lavorativa.

Interruzioni ferie quando avviene

L’interruzione delle ferie può avvenire per diversi motivi: vediamo quali.

Se il contratto lo prevede il datore di lavoro per serie ragioni può richiamare il lavoratore dalle ferie. Il lavoratore avrà il diritto di consumare la parte di ferie non godute in un momento successivo.

In caso di malattie, e qui bisogna fare un’ulteriore distinzione: malattia insorta prima dell’inizio delle ferie o malattia sopravvenuta durante il periodo di ferie. In caso di malattia prima delle ferie e protrarsi durante le stesse la malattia decorre normalmente senza incidere sulle ferie che saranno usufruite in un secondo momento. Invece nel caso di malattia sopraggiunta durante il periodo di ferie, queste vengono sospese coprendo il periodo con la malattia a condizione che la stessa impedisca al lavoratore un effettivo riposo e quindi impedisca il pieno godimento delle ferie.

ferie

Godimento delle ferie aziendali

Il datore di lavoro decide il piano ferie aziendali e lo deve comunicare ai lavoratori. Se l’azienda chiude per ferie in un periodo prestabilito allora i lavoratori goderanno di ferie collettive. In altri casi, invece, potranno godere delle ferie con queste regole:

  • Due settimane consecutive nel corso dell’anno di maturazione;
  • Altre due settimane in maniera frazionata, entro i 18 mesi dalla conclusione dell’anno di maturazione;
  • Ulteriori giorni stabiliti dalla contrattazione collettiva fruibili in maniera frazionata.

Come richiedere le ferie

Non esiste una procedura che regolarizza la richiesta delle feria al datore di lavoro. La richiesta può avvenire sia in forma orale sia in forma scritta. L’azienda regolamenterà la procedura di richieste ferie. Alcune aziende si avvalgono di un modulo di richiesta ferie che il lavoratore dovrà compilare e presentare al responsabile del personale per accettazione, ed altre che ritengono sufficiente una richiesta ricevuta via mail.

Monetizzazione

La monetizzazione delle ferie è vietata, in quanto la fruizione è un diritto irrinunciabile. Quindi la mancata fruizione del periodo minimo legale fa scattare sanzioni (art. 7 della legge n. 183/2010) nelle seguenti misure:

  • Da 100 a 600 euro per ogni lavoratore;
  • Da 400 a 1.500 euro con violazioni per oltre 5 lavoratori o 2 annualità;
  • Da 800 a 4.500 euro con violazioni per oltre 10 lavoratori o durate almeno 4 anni.

Vi sono solo due casi dove è consentito la monetizzazione delle ferie: al termine del rapporto di lavoro o in caso di un contratto lavorativo con durata inferiore ad un anno.

Multa per troppi bagagli: attenzione a non iniziare le ferie con una sanzione

Permessi legge 104: riducono le ferie del lavoratore?

Ferie aziendali: calcolo, maturazione e richiesta (guida completa) ultima modifica: 2018-06-29T13:41:21+00:00 da Maria Di Palo

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.