Fermo amministrativo auto: l’auto può circolare?

Molti non sanno che cos’è il fermo amministrativo e quali sono le conseguenze. Con questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza al riguardo.

Il fermo amministrativo dell’auto, dobbiamo dire che è un provvedimento che viene disposto al veicolo a motore ponendo il blocco, ciò avviene quando il proprietario del veicolo risulta un debitore inadempiente. Il fermo amministrativo può essere predisposto dall’Agenzia delle entrate – Riscossione o da un altro agente della riscossione verso un contribuente che non ha pagato una cartella esattoriale nei tempi dovuti.

Fermo amministrativo auto: l’auto può circolare?

Un veicolo sottoposta o fermo amministrativo non può circolare, quindi va tenuta in garage. Il veicolo no può essere ne trasportato all’estero ne demolito e neanche radiato dal PRA.

Il non rispetto delle suddette regole si rischia il sequestro del veicolo e una sanzione amministrativa di importo tra 1.988 e 7.953 euro.

Fermo amministrativo: auto può essere venduta

Un’auto soggetta al fermo amministrativo può essere venduta, ma il nuovo proprietario deve sottostare ai limiti imposti dalla procedura di fermo causato dai debiti del precedente proprietario.

Fermo amministrativo auto: entità del debito

L’Agenzia delle entrate – Riscossione può procedere con il fermo amministrativo solo per debiti superiori a 800 euro. Quindi il fermo amministrativo va iscritto nei seguenti casi:

  • Per debiti compresi tra 800 e 2.000 euro su un solo veicolo;
  • per debiti compresi tra 2.000 e 10.000 euro su al massimo 10 veicoli;
  • per debiti superiori a 10.000 euro su tutte le auto del debitore.

Per un debito inferiore a 1.000 euro, ‘Agenzia delle entrate – Riscossione, prima di procedere con il fermo amministrativo, deve inviare due solleciti di pagamento, con una distanza tra di loro di almeno 120 giorni.

Fermo amministrativo auto: la verifica è gratis?

Per venire a conoscenza che il proprio veicolo è sottoposto a fermo amministrativo, bisogna richiedere una visura del veicolo all’ACI tramite il numero di targa.

L’emissione della visura del veicolo da parte dell’ACI non è un servizio gratuito ma ha un costo di 6 euro. La richiesta va fatta o a una delegazione ACI o a un’agenzia di pratiche auto, anche tramiti servizi online. Quindi non è possibile verificare un fermo amministrativo di un’auto.

Fermo amministrativo auto: cosa succede se l’auto è cointestata?

Il fermo amministrativo di un veicolo cointestato non è mai possibile, infatti si pregiudicherebbe l’utilizzo dell’auto anche per il proprietario non debitore.

Ciò è stato anche evidenziato da una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte nella sentenza n. 1374/2017, in cui si evince che il fermo di un’auto cointestata è solo possibile nel caso in cui entrambi i proprietari sono debitori nei confronti dell’Agenzia della riscossione.

Bollo auto 2018: è possibile l’esonero del fermo amministrativo?

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.