Formazione specialistica scientifica: sempre più richiesto il master farmaceutico

-
25/10/2020

Formazione specialistica scientifica: sempre più richiesto il master farmaceutico

Una buona formazione universitaria è la strada migliore per un solido futuro professionale. Le facoltà che attualmente offrono sbocchi lavorativi interessanti sono diverse, ma quelle legate alle discipline scientifiche sono indubbiamente tra quelle che si stanno occupando di formare i manager del futuro.

In ogni caso, anche se la scelta della facoltà e il percorso universitario sono un valido aiuto per entrare nel mondo del lavoro, è la fase post laurea a fare la differenza. Affinché sia possibile mettere a frutto quanto appreso, è importante indirizzarsi verso un iter di alta formazione efficace, che possa affiancare alla conoscenza acquisita in ateneo le competenze richieste sul campo.

Bisogna dunque orientarsi verso specifici master che sappiano intuire le vere esigenze del mondo del lavoro, in modo da individuare quei percorsi che, più di altri, possano offrire interessanti sbocchi professionali.

 

Perché frequentare un master farmaceutico e biomedicale

Tra i numerosi percorsi che si rivolgono ai laureati in discipline scientifiche può condurre verso un futuro promettente un master in ambito farmaceutico e biomedicale, come per esempio quello proposto da ISTUD: un corso che si rivolge a quella fetta di laureati interessati a perfezionare la formazione nel comparto della ricerca e dell’industria farmaceutica.


Leggi anche: TFR modulo anticipo da consegnare al datore di lavoro (pdf)

ISTUD è una business school indipendente con oltre 50 anni d’esperienza, che si occupa di percorsi di apprendimento per la formazione manageriale. Il master per scienziati in azienda organizzato da ISTUD ha una durata di dieci mesi, di cui quattro formativi e sei di stage, ed è un percorso che si svolge secondo tempistiche di tipo full time, offrendo una formazione completa per affrontare le sfide nel campo del biopharma.

Lo sviluppo del master prevede che la fase teorica sia sempre accompagnata da un percorso di tipo pratico, che, dopo un primo step da svolgersi in aula, coinvolge i partecipanti che saranno impegnati nella realizzazione di veri e propri progetti. Il focus delle esercitazioni è sempre quello di simulare i problemi inerenti all’industria farmaceutica, in modo da acquisire, al contempo, le strategie per risolverli.

 

Il successo del master per scienziati in azienda

È soprattutto grazie ai numerosi sbocchi professionali che questo percorso formativo gode di molti consensi da parte dei neolaureati. Il master forma, infatti, le figure professionali e manageriali in ambito farmaceutico più richieste dal mondo del lavoro, un vantaggio cui si affianca un supporto di coaching per sostenere un vero e proprio colloquio di stage.

Uno dei settori per i quali il master offre una formazione manageriale è quello degli affari regolatori, un comparto che si occupa delle autorizzazioni scientifiche e amministrative cui è demandata la responsabilità di curare il rapporto tra azienda e istituzioni.


Potrebbe interessarti: Assunzione laureati nell’UE, per ampliamento organico. Domanda entro il 26 marzo

In alternativa, la formazione può rivolgersi verso diversi comparti, tra i quali spiccano quello della Farmacovigilanza, per il controllo degli effetti dei farmaci, del Medical Affair, che interviene nel rapporto con enti, università e società scientifiche, del Marketing farmaceutico, per l’analisi del mercato di riferimento, e del Sales, un settore indispensabile nell’ambito farmaceutico per il controllo del farmaco una volta immesso nel mercato.

 

Master per scienziati in azienda: come funziona

Per capire come il master per scienziati in azienda possa aprire le porte del settore Healthcare è importante puntare l’accento sulla sua particolare offerta formativa. 

Nell’ottica di orientare i laureati in un percorso che conduca a lavorare nel settore farmaceutico in ambito manageriale, verranno affrontati argomenti specifici il cui scopo è quello di spiegare i processi alla base del sistema sanitario, così come il funzionamento di un’azienda farmaceutica.

La seconda parte è invece tutta incentrata sul farmaco: una fase relativa allo sviluppo dei medicinali, in cui l’allievo può approfondire il percorso che un prodotto – o eventuali dispositivi medici – devono compiere prima di poter essere destinati all’utenza. 

A questa parte si affianca un modulo sulla comunicazione e sul marketing, quel ramo dell’offerta farmaceutica relativo alle strategie necessarie per l’attuazione delle operazioni di vendita.