Fotovoltaico nel 2019, quando conviene e quali sono le agevolazioni

Fotovoltaico nel 2019 quando conviene? Le tre novità di quest’anno e la convenienza con impianti ancora più efficienti.

Il fotovoltaico conviene sempre perché indipendentemente delle agevolazioni che si possono ottenere si riducono le emissioni di CO2 di circa 1.300 Kg all’anno. Analizziamo la convenienza ad istallare un impianto fotovoltaico. Il guadagno permette ricevere un guadagno netto tra i 21 e i 32mila euro, in linea di massima il costo dell’impianto si ripaga in circa quattro anni.

Fotovoltaico 2019: meno spazio e più rendimento

Attualmente il costo del fotovoltaico costa in mendo di circa l’80 per cento rispetto al 2005. I pannelli di ultima generazione offrono un rendimento qualitativo invariato per almeno 35 anni.

Nel 2019 tre le novità  

I nuovi sistemi di accumulo permettono di conservare l’energia prodotta e non consumata al momento, si potrà utilizzare anche in altri momenti, ad esempio la sera. La seconda novità sono gli ottimizzatori, sono dispositivi intelligenti che aumentano la resa dell’impianto del 20 – 25 per cento.

La terza novità consiste nell’abbinare il fotovoltaico alle pompe di calore, che permette do fruire dell’acqua calda gratuitamente, sia per risaldamento che climatizzazione estiva.

Detrazione al 50 per cento ancora valida

Ancora valida la detrazione del 50%, inoltre non sussiste più il problema dello smaltimento in quanto i produttori iscritti ad appositi consorzi, offrono lo smaltimento gratuito. Inoltre, l’aumento del valore catastale non considera i tradizionali impianti domestici.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”