Governo. Salvini e Di Maio dichiarano: no aumento Iva e patrimoniale. Credibili? No

Per essere creduti occorre essere affidabili, vale a dire che nel tempo le idee di base non dovrebbero mutare, ma per i due vicepremier non è stato così.

Roma, 11.04.2019. I due vice premier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio assicurano che non ci sarà aumento dell’Iva e non ci sarà la patrimoniale.
Chi gli crede?

Per essere creduti occorre essere affidabili, vale a dire che nel tempo le idee di base non dovrebbero mutare, ma per i due vicepremier non è stato così.
Qualche esempio?

Unione europea ed euro: entrambi volevano uscirne, ora non più. Si tratta di scelte strategiche non tattiche, ed è una sostanziale inversione ad U. Credibili?

La Lega voleva la secessione del Nord, oggi è nazionalista. Una inversione a U. Credibile?

Il M5S voleva uscire dalla Nato, ora è pro Nato. Una inversione a U. Credibile?

Salvini e Di Maio sostenevano che Quota100 e il Reddito di cittadinanza avrebbero prodotto occupazione. E’ vero il contrario come certifica il Documento di economia e finanza (Def) approvato proprio dal governo legastellato: i due provvedimenti causano disoccupazione. 
Insomma, i due provvedimenti principali di Lega e M5S, hanno effetti opposti a quelli che ci avevano decantato per mesi e approvati 4 mesi fa. Credibili?

No, non sono credibili.

Aspettiamoci che, in una forma o l’altra, Iva e patrimoniale arrivino, grazie a Lega e M5S.

Quando il popolo smetterà di credere alle promesse di Lega e M5S, sarà tardi.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc  

COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.