I contributi da disoccupazione valgono per accedere alla pensione?

-
14/01/2020

Quanto valgono ai fini della pensione i contributi figurativi derivanti da indennità di disoccupazione?

I contributi da disoccupazione valgono per accedere alla pensione?

Molta confusione ha generato il limite dei 35 anni imposto per la quota 100 al punto che molti lettori ci chiedono se i contributi figurativi derivanti da indennità di disoccupazione siano validi per l’accesso alla pensione. Cerchiamo di chiarire, rispondendo al quesito di un lettore, come vengono conteggiati questi contributi figurativi e quali possibilità di pensionamento ha il lettore in questione.

Contributi da disoccupazione

Un nostro lettore ci chiede:

Buongiorno…..ho lavorato diversi anni periodo delle superiori stagionalmente. I mesi di disoccupazione a livello conteggio pensionistico sono considerati? Al momento ho 62 anni a marzo…..nel 2021 a giugno forse avrei 35 anni di contributi se vengono anche calcolati i periodi di disoccupazione. Domanda: avrò qualche possibilità di andare in pensione? O devo aspettare quella di vecchiaia a 67 anni? Grazie x la S/risposta che riuscirà a darmi

I contributi figurativi derivanti dall’indennità di disoccupazione Naspi sono validi a tutti gli effetti per la pensione, sia per il diritto (si sommano ai contributi da lavoro dipendente per raggiungere il requisito contributivo necessario ad accedere alla misura pensionistica) sia per la misura (sono conteggiati nel calcolo dell’assegno pensionistico spettante).


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Solo per alcune misure è necessario fare un distinguo:

  • per l’opzione donna i contributi figurativi da disoccupazione e malattia non valgono nel raggiungimento dei 35 anni di contributi necessari per accedere, ma gli stessi sono considerati nel conteggio dell’assegno pensionistico;
  • per accedere alla quota 100 è necessario che almeno 35 anni dei contributi maturati siano conteggiati senza prendere in considerazione i contributi figurativi derivanti da disoccupazione e malattia.  Sono in ogni caso conteggiati nel calcolo dell’assegno pensionistico.

In tutti gli altri casi i contributi figurativi derivanti da indennità di disoccupazione Naspi sono validi sia al diritto che alla misura della pensione.

Nel suo caso, purtroppo, non ci sono possibilità di uscita anticipata se la normativa non viene modificata. Con le misure attualmente in vigore la sua unica possibilità di pensionamento è al compimento dei 67 anni con la pensione di vecchiaia.