In pensione 10 anni prima con la RITA, ecco per chi

-
06/04/2018

Ecco chi può anticipare il pensionamento di 10 anni grazie alla RITA.

In pensione 10 anni prima con la RITA, ecco per chi

La Rita, Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, permette di anticipare la pensione fino a 10 anni prima rispetto ai requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia e al 2018 permette, quindi, il pensionamento a 56 anni e 7 mesi. A far da scivolo in questo caso è la previdenza integrativa visto che il fondo di previdenza integrativo si trasforma nel reddito utile per arrivare alla pensione di vecchiaia.

Non tutti però possono sfruttare questa possibilità poichè, come è intuibile possono approfittare della RITA solo coloro che hanno un fondo previdenziale integrativo e che hanno serie possibilità a reinserirsi nel mercato del lavoro dopo aver perso la propria occupazione.

La possibilità del pensionamento con l’anticipo grazie alla RITA, infatti, può essere ottenuta “dagli iscritti ai Fondi a cui mancano fino a 5 anni alla pensione, che hanno cessato l’ attività lavorativa, hanno versato contributi per 20 anni nella gestione obbligatoria e sono inseriti nella previdenza complementare da almeno 5. Chi dopo aver cessato il lavoro è rimasto inoccupato per 24 mesi può chiedere la Rita con un anticipo fino a 10 anni rispetto al momento della pensione, anche con meno di 20 anni di contributi obbligatori”.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Sempre sull’argomento RITA consigliamo la lettura di:Pensione Rita, i nuovi requisiti 2018, i chiarimenti da COVIP