In pensione con Quota 41 aperta a tutti, quanto c’è di vero?

-
26/07/2019

Pensione anticipata con quota 41 anni, senza lavoro precoce e senza tutele, aperta a tutti i lavoratori che maturano il requisito contributivo.

In pensione con Quota 41 aperta a tutti, quanto c’è di vero?

Molti i lettori che ci scrivono chiedendoci se nel 2020 sarà possibile la pensione Quota 41 per tutti. La pensione anticipata con 41 anni di contributi, attualmente è possibile se si è lavoratore precoce (un anno di contributi prima del compimento del 19° anno di età) e si fa parte delle quattro categorie di tutela; oltre ad aver maturato un requisito contributivo di 41 anni. Dal 2020 c’è una promessa del Governo che prevede la possibilità di accedere a questa misura aperta a tutti, senza lavoro precoce e senza tutele, solo con 41 anni di contributi.

Quota 41 per tutti: il Governo manterrà la sua promessa?

Bisogna attendere e vedere cosa sarà indicato nella nuova legge di Bilancio 2020, sulla possibilità di inserimento della quota 41 aperta a tutti ci sono molti dubbi, in merito ha espresso il suo parere contrario anche la professoressa Fornero. Abbiamo trattato la notizia in quest’articolo: Pensione Quota 41 per tutti senza paletti e vincoli dal 2020, la Fornero contraria

In pensione con 41 anni di contributi

Salve, mio marito è un lavoratore precoce e matura i 41 anni di contributi a giugno 2020. Quando andrà in pensione? È un metalmeccanico.

Al momento è difficile darle una risposta, se consideriamo le promesse fatte dal Governo per la quota 41 per tutti dal 2020, suo marito potrebbe tranquillamente fare domanda al compimento del requisito contributivo. 


Leggi anche: Pensione lavoratori precoci: cosa cambierà con la quota 100?

Basandoci sulla normativa vigente, se suo marito non svolge un lavoro gravoso, non può accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi, anche essendo un lavoratore precoce. Le lascio qui l’elenco delle 15 categorie di lavori gravosi: Lavori gravosi con 15 categorie aggiornate.