In pensione con 59 anni di età e 36 anni di contributi: in che modo?

-
06/08/2018

Quali sono le ipotesi di pensionamento possibili per una donna con 59 anni di età e 36 anni di contributi?

In pensione con 59 anni di età e 36 anni di contributi: in che modo?

Una nostra lettrice ci chiede quali sono le sue possibilità di pensionamento visto che ha 59 anni e 36 anni di contributi. La pensione di vecchiaia, ovviamente è ancora troppo troppo lontana, per quando vi giungerà lei saranno richiesti ben più dei 67 anni che scatteranno dal 1 gennaio 2019, visto che dal 2021 sono previsti aumenti di ulteriori 3 mesi ogni biennio, quindi cercheremo di prendere in considerazione le altre forme di pensionamento possibili che le permetterebbero un pensionamento più veloce.

Per la pensione anticipata dal 1 gennaio 2019 saranno necessari per le donne 42 anni e 3 mesi di contributi (per gli uomini 43 anni e 3 mesi) ed anche in questo caso vi sarà l’aumento di ulteriori 3 mesi ogni biennio a partire dal biennio 2021/2022. Al momento, quindi, per la pensione di vecchiaia, alla nostra lettrice, senza applicare gli ulteriori aumenti, mancherebbero 6 anni e 3 mesi di contributi, a cui aggiungere, poi, gli aumenti che saranno imposti a partire dal 2021.

A mio avviso, se dovesse essere applicata la quota 100 e resa strutturale, anche se richiede 64 anni di età, sembrerebbe proprio questa la strada più veloce per un pensionamento: mancherebbero soltanto 5 anni per il requisito anagrafico (sempre che anche a questo tipo di pensionamento non applichino l’adeguamento alla speranza di vita) essendo la nostra lettrice già in possesso dei requisiti contributivi richiesti di 36 anni.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

opzione donnaAltra alternativa potrebbe essere quella della pensione con 41 anni di contributi per tutti (o 42 anni) per la quale mancherebbero in ogni caso sempre 5 anni. Altre alternative al momento non ne vedo. Ma mancando ancora 5 anni l’unica cosa che posso dire è che si potrebbe riaprire uno spiraglio con la proroga dell’opzione donna di cui si fa un gran parlare ultimamente: in questo caso il pensionamento potrebbe anche essere immediato essendo i requisiti richiesti per il regime sperimentale di 57 anni di età e 35 anni di contributi…tutto però è nel campo delle ipotesi e bisogna attendere le decisioni del governo e la prossima legge di Bilancio.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]