In pensione con contributi volontari, ecco come fare

-
11/07/2019

Andare in pensione con il perfezionamento del requisito contributivo con il versamento dei contributi volontari, qando è possibile e come fare.

In pensione con contributi volontari, ecco come fare

Pensione e contributi volontari utili al perfezionamento del requisito contributivo, analizziamo le domande poste da un nostro lettore: Buongiorno mi chiamo ho 61 anni e soffro di fibromialgia, ho lavorato part-time per delle coop. di pulizie per 16 anni, ho dovuto smettere per problemi di salute ma soprattutto anche perché avendo ridotto le ore di lavoro ci paga o a malapena la benzina. Chiedo cortesemente come potrei fare per versare i contributi volontari e quanto dovrei versare.Vi ringrazio in anticipo

Abbiamo redatto una guida completa su come accedere ai contributi volontari, che ricordiamo sono a totale carico del richiedente. Troverà qui le informazioni: Pensione: contributi volontari, come pagarli e quali periodi coprire

Per arrivare alla pensione di vecchiaia dovrà arrivare ad un requisito contributivo minimo di 20 anni e 67 anni di età. 

Fibriomalgia e invalidità

In riferimento alla patologia della fibriomalgia che le ha reso impossibile continuare l’attività lavorativa, potrebbe chiedere l’invalidità. Purtroppo è una patologia le cui cause sono sconosciute, è considerata una sindrome reumatica non tipica e non è inclusa nelle linee guida dell’Inps. Ma l’Organizzazione mondiale della sanità, ha inserito la fibriomalgia tra le patologie croniche dolorose e anche l’Europa l’ha riconosciuta come patologia invalidante.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Le commissioni mediche Asl di Varese hanno riconosciuto l’invalidità per fibriomalgia, anche se si trattava di casi abbastanza rari. 

Il riconoscimento dell’invalidità per fibriomalgia è complicato, difficile, ma non impossibile.