In pensione nel 2019 con 65 anni di età e 34 anni di contributi: quali possibilità?

Un nostro lettore ci chiede quali sono le sue possibilità di accedere a una pensione nel 2019 “65 anni e mezzo il 2 settembre 2019. Con 34 e mezzo di contributi, quando percepiro’ la pensione?”.

Anche se dovesse essere varata la quota 100 non rientrerebbe nel beneficio a causa dei contributi poichè per accedere sarebbero richiesti 64 anni di età e 36 anni di contributi. Al nostro lettore mancherebbero, quindi, un anno e mezzo di contributi per poter accedere alla quota 100 che, ricordiamo, avrà anche delle penalizzazioni sull’importo dell’assegno pensionistico poichè la pensione verrebbe calcolata, quasi sicuramente, interamente con il metodo contributivo.

Per quel che riguarda la pensione anticipata, per la quale dal 1 gennaio 2019 saranno necessari 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne,  è troppo distante poichè mancano almeno 9 anni di contributi per l’accesso.

pensioneLa forma di pensionamento più conveniente per il nostro lettore è senza alcun dubbio la pensione di vecchiaia con 67 anni di età che raggiungerebbe il 2 settembre 2021. Siccome dal 2021 dovrebbero scattare i nuovi aumenti dell’età pensionabile legati all’adeguamento della speranza di vita Istat che prevedono 3 mesi in più ogni biennio,  i requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia sarebbero di 67 anni e 3 mesi e il nostro lettore li raggiungerebbe il 2 dicembre 2021 con decorrenza della pensione il 1 gennaio 2022.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]

In pensione nel 2019 con 65 anni di età e 34 anni di contributi: quali possibilità? ultima modifica: 2018-08-14T08:49:27+00:00 da Redazione NotizieOra

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.