Indennità di 800 euro per partita Iva, reddito di emergenza o aumento reddito di cittadinanza? Ipotesi del nuovo decreto

-
01/04/2020

Aumento ad 800 euro l’indennità per le partita IVA e lavoratori autonomi, Reddito di emergenza di 40o euro o aumento RdC, assegno per famiglie con figli inferiori a 14 anni….

Indennità di 800 euro per partita Iva, reddito di emergenza o aumento reddito di cittadinanza? Ipotesi del nuovo decreto

L’esecutivo sta lavorando al nuovo decreto e nasce l’ipotesi che l’indennità per le partita iva, lavoratori autonomi e professionisti sarà prorogata e potrebbe aumentare l’importo da 600 a 800 euro, solo che non sarà per tutti, ci sarà un minimo di selezioni, lo riporta il viceministro dell’Economia, Antonio Misiani. Il MEF ha chiarito che la misura spetta alle  partite Iva, co.co.co e lavoratori autonomi, e viene riconosciuta anche ai soci di società iscritti alla gestione previdenziali artigiani e commercianti, per gli agenti di commerci iscritti all’Enasarco. 

⇒ Indennità di 600 euro solo per chi ha effettuato i pagamenti

Reddito di emergenza o aumento del reddito di cittadinanza?

Come più volte abbiamo accennato, allo studio anche una forma di mini-reddito chiamato “reddito di emergenza” per i lavoratori in nero; prende forma un bonus di 400 euro per brevissimi periodi. Coinvolgerà: colf, badanti, lavoratori precari, agricoli, e lavoratori in nero.

Si dovrà chiarire quali saranno i requisiti richiesti e soprattutto su quale base di calcolo. Si è parlato di una possibile soluzione aumentando il reddito di cittadinanza, al momento è tutto allo studio, si prevede che il decreto uscirà giovedì; non ci resta che attendere le nuove misure per famiglie e imprese.

⇒ Reddito di emergenza da 1600 euro anche per colf, badanti, commercianti, precari e lavoratori in nero


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Cassa integrazione più veloce: si rischia il pagamento a maggio

Inoltre, si dovrà velocizzare la cassa integrazione, secondo l’esperto Enzo De Fusco, il pagamento potrà avvenire non prima di fine maggio, e non entro il 15 aprile come più spesso ha ribadito il governo.

⇒ Cassa integrazione Covid-19, due modalità di pagamento: diretta Inps o datore di lavoro

Sospensione mutui e assegno per famiglie con figli sotto i 14 anni

Partita da due giorni per  dipendenti e gli autonomi la possibilità di fare domanda di sospensione dei mutui fino a 18 mesi.

Per andare incontro alle famiglie con figli, la ministra della famiglia, Elena Bonetti, propone un assegno a tutte le famiglie con figli sotto i quattordici anni.

⇒ Coronavirus e modulo per la sospensione mutuo (pdf) da scaricare