Interessi di mora e di ritardato pagamento, è cambiata l’aliquota, tutte le novità

Interessi di mora e di ritardato pagamento, cambia la percentuale con decorrenza dal 15 maggio 2018, tutte le novità.

Interessi di mora e di ritardato pagamento, con la circolare n. 80/2018 l’Inps ha comunicato importanti novità, a seguito del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che ha fissato al 3,01% in ragione annuale gli interessi di mora, che tale misura, decorrente dal 15.05.2018, si applica, oltre che per il ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo, anche per il calcolo  delle sanzioni civili (art. 116, c. 9 L. 388/2000).

Interessi di moraInteressi di mora e di ritardato pagamento: la circolare Inps

Nella circolare si legge che con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 4 aprile 2017, con effetto dal
15 maggio 2017, detta misura è stata fissata al 3,50% in ragione annuale.

Considerato che il citato articolo 30 prevede che il tasso degli interessi di mora sia determinato annualmente, l’Agenzia delle Entrate, interpellata la Banca d’Italia, con provvedimento protocollo n. 95624 del 10 maggio 2018, ha disposto la riduzione della misura degli interessi di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo al 3,01% in ragione annuale.

La variazione decorre dal 15 maggio 2018.

In ragione del predetto provvedimento è modificata altresì la misura degli interessi di mora di cui all’articolo 116, comma 9, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Leggi anche: Rottamazione cartelle, se arrivano avvisi di fermo amministrativo e pignoramento, ecco cosa fare

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.