ISEE: validità, scadenza e rinnovo, tutto quello che devi sapere

-
24/07/2020

Il modello ISEE utile per i vari bonus e per il reddito di cittadinanza ed emergenza che validità ha e quando deve essere rinnovato? Come modificarlo se cambiano i requisiti? Tutto quello che c’è da sapere.

ISEE: validità, scadenza e rinnovo, tutto quello che devi sapere

Il valore ISEE è un dato fondamentale per ricevere le prestazioni assistenziali e previdenziali. Con la pandemia da Covid-19 il suo rinnovo è fondamentale per ricevere Bonus di vario tipo: bonus bici, vacanza, reddito di emergenza, reddito di cittadinanza, ecc.  Il 2020 si presenta un anno unico ed entrerà nella storia non solo per la pandemia che ha investito il mondo ma anche per il susseguirsi, in tempi record, di decreti e bonus di vari tipi in aiuto alle famiglie e imprese. 

L’ISEE che validità ha?

L’ISEE si basa su tre fattori fondamentali:

  • Composizione del nucleo familiare;
  • Patrimonio del nucleo familiare;
  • Reddito complessivo di tutti i componenti del nucleo familiare. 

L’ attestazione ISEE ha una validità annuale, ma può essere modificato se nell’arco dell’anno avvengono modifiche significative che permettono l’accesso o il diniego ai benefici, in questo caso bisogna redigere l’ISEE corrente. 

L’ISEE corrente ha una validità massima di sei mesi. 

Quindi, l’ISEE ordinario scade nell’anno, 31 dicembre, e deve essere rinnovato se si vuole beneficiare dei vari sussidi. 


Leggi anche: Pensioni anticipate, quota 102 e 41: proposta e calcolo, novità sulla riforma e possibili scenari

⇒ ISEE corrente o variare quello in corso di validità? Sono due cose diverse

ISEE corrente

Diverso è per l’ISEE corrente che viene effettuato a richiesta dell’interessato se si presentano le seguenti situazioni:

variazione dell’attività di lavoro dipendente o autonomo, oppure, se si verifica una variazione superiore del 25 per cento del reddito complessivo del nucleo familiare.

L’ISEE corrente ha una validità di sei mesi e può essere inviato solo se in precedenza era stato redatto un ISEE ordinario. 

Inoltre, se già in presenza di una DSU corrente valida, un componente del nucleo familiare trova una nuova occupazione o fruisce di nuovi trattamenti assistenziali o previdenziali, è necessario presentare un nuovo modello ISEE corrente entro due mesi dall’inizio della variazione. 

Documenti per elaborazione 

Per poter elaborare l’ISEE corrente sono richiesti i seguenti documenti:

  • Isee ordinario valido
  • certificazione attestante la variazione lavorativa (chiusura partita IVA, lettera di licenziamento, ecc.) o qualsiasi comunicazione che attesti la posizione lavorativa;
  • reddito percepito nei dodici mesi precedenti alla presentazione dell’Isee corrente compresi i trattamenti assistenziali e previdenziali a qualsiasi titolo (assegni familiari, bonus, reddito di cittadinanza,ECC.)


Potrebbe interessarti: Fondo perduto per Partite IVA: al via pagamenti per 1,9 miliardi, come verificare il sussidio e quando arrivano i soldi