La notifica con raccomandata è nulla, ecco perchè

La notifica di atti con raccomandata è nulla, lo stabilisce la Corte di Cassazione con una recente sentenza.

Una recente sentenza ha stabilito che è nulla la notifica a seguito di raccomandata. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza 2.07.2018, n. 17235, ha affermato che è nulla la notifica di un atto impositivo effettuata dal messo notificatore nelle mani di un convivente, qualora non sia inviata successivamente al vero destinatario l’apposita raccomandata informativa. 

La notifica con raccomandata

NotificaInfatti, in assenza del destinatario presso l’abitazione o suoi luoghi di lavoro, l’art. 139 del Codice di procedura civile consente la consegna dell’atto mediante messo notificatore a persona di famiglia o a persona addetta alla casa. In mancanza, la consegna può essere effettuata anche al portiere dello stabile o a un vicino di casa, nel qual caso il messo deve darne comunicazione al destinatario tramite raccomandata.

Leggi anche: Aumenti spedizioni posta ordinaria, raccomandata e assicurata

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.