Lavoro: licenziamento legittimo se si lavora durante la malattia

La Corte di Cassazione si pronuncia su un caso di licenziamento in malattia, considerandolo legittimo: ecco il caso.

Sul tema del lavoro durante la malattia si è pronunciata una recentemente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 17514 del 4.07.2018, che  giustificata il licenziamento intimato all’autista di pullman di un’impresa di noleggio privato che, durante un lungo periodo di assenza dal servizio per infortunio in itinere, sia stato scoperto al lavoro presso un parcheggio di autovetture gestito da altri familiari, tra l’altro omettendo di indossare il collare cervicale prescritto.

L’attività in sé non porta al licenziamento

licenziamento furto dati aziendaliL’attività del dipendente, in sé non necessariamente sanzionabile, lo diventa quando l’attività stessa risulta incompatibile con la condizione morbosa o è tale da ritardare la guarigione.

La Corte precisa che il dipendente in malattia può svolgere nel periodo di convalescenza un’altra attività lavorativa che non pregiudichi la sua guarigione, ma solo se il certificato medico attesti che la malattia contratta sia incompatibile con il lavoro principale ma non con l’attività che si è scelto di svolgere durante la malattia.

La legge tutela i lavoratori, ma ci sono regole da rispettare da entrambe le parti.

Diversamente si è espressa una recente sentenza della Corte  di Cassazione sul licenziamento prima della fine del periodo di comporto. 

Licenziamento illegittimo durante la malattia

Licenziamento prima della fine del periodo di comporto, si è espessa in merito una recente  sentenza n. 12568/2018 della Corte di Cassazione, Sezioni Unite, che ha affermato che è nullo il licenziamento del dipendente intimato in costanza di malattia, prima della fine del periodo di comporto.

Nel caso specifico il datore di lavoro era receduto dal rapporto di lavoro non appena ricevuto un certificato di malattia recante una prognosi tale da determinare il superamento del periodo massimo di conservazione del posto, senza attendere il suo compiuto esaurimento.

Per maggiori informazioni, consigliamo di leggere la notizia completa: Licenziamento prima della fine del periodo di comporto, è possibile?

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.