Lavoro occasionale: servono moduli Inps?

-
26/12/2019

Attenzione al lavoro autonomo occasionale, non serve darne comunicazione all’Inps ma bisogna monitorare i compensi.

Lavoro occasionale: servono moduli Inps?

Per chi ha aderito al pensionamento con quota 100 sussiste il divieto di cumulo dei redditi da pensione con redditi da lavoro. Fanno eccezione i redditi derivante da lavoro autonomo occasionale entro il tetto massimo annuale di 5mila euro. Cerchiamo di capire come funziona rispondendo al quesito di un nostro lettore che ci chiede: Buona sera,vorrei sapere che moduli Inps ci sono per accedere al lavoro occasionale e come ci si deve comportare grazie.

Lavoro autonomo occasionale

Non esistono moduli per accedere al lavoro autonomo occasionale. Si tratta, infatti di collaborazione senza parasubordinazione. Il lavoro autonomo per essere considerato occasionale  deve avere le seguenti caratteristiche:

  • non deve essere subordinato
  • deve essere, appunto, occasionale
  • deve rappresentare una prestazione d’opera o di un servizio compiuta dietro un corrispettivo in denaro
  • la prestazione non deve essere duratura e continuativa
  • la prestazione non deve essere coordinata dal committente
  • non può essere svolta all’interno di un’azienda

Il lavoro autonomo occasionale, quindi, deve essere un’attività autonoma esercitata senza vincoli che non richiede l’apertura di Partita Iva proprio perchè svolto in maniera saltuaria (e quindi svolto senza i requisiti della professionalità). Per questa tipologia di lavoro, per la quale non serve neanche apertura di Partita Iva, il pagamento di solito avviene con ritenuta d’acconto. Deve semplicemente fare attenzione che la collaborazione in questione non sia coordinata e continuativa. Deve esserci, quindi, l’occasionalità.


Leggi anche: Pensioni, con i fondi integrativi fino a 10 anni di anticipo: ma il sistema fatica a decollare

Per svolgere lavoro autonomo occasionale è necessario, per quel che riguarda il divieto di cumulo con la quota 100, che il reddito derivante dall’attività sia pari o inferiore a 5mila euro annui. Non ha bisogno di comunicare all’Inps l’inizio di tale lavoro ma deve monitorarne i compensi.