Le imposte si possono pagare in ritardo con lo 0,40% in più

-
16/10/2019

La scadenza dell’F24 per le imposte è stata il 30 settembre 2019, è possibile pagare in ritardo con lo 0,40% in più: ecco le nuove scadenze.

Le imposte si possono pagare in ritardo con lo 0,40% in più

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 71/2019 ha comunicato il nuovo calendario dei pagamenti delle imposte differite. L’Agenzia specifica che i pagamenti delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi può essere differito di ulteriori 30 giorni, alla scadenza del 30 ottobre 2019, con il versamento della maggiorazione dello 0,40 per cento a titolo di interessi. Resta fermo invece al 30 novembre 2019 (che viene spostato al 2 dicembre 2019 essendo il 30 novembre 2019 un sabato) la scadenza per il versamento del secondo o unico acconto per il 2019.

Versamento tardivo delle imposte da parte degli eredi

Passata la scadenza prevista per il versamento delle imposte al 30 settembre 2019, anche i contribuenti tenuti al pagamento per conto di soggetti terzi, quali ad esempio gli eredi del de cuius, possono regolarizzare la posizione mediante il versamento entro il 30 ottobre 2019 con la maggiorazione dello 0,40%, laddove il de cuius fosse considerato un soggetto fruitore della proroga.

La mancanza di liquidità potrebbe portare gli eredi a regolarizzare la posizione per omesso o carente versamento oltre tale data, mediante il ravvedimento operoso. Importante risulta individuare la scadenza del versamento originario, che varia in base alla data del decesso e in base alla possibilità o meno di fruire della proroga.

Scadenze fiscali ottobre 2019: ecco le date da segnare in rosso


Leggi anche: Pensioni anticipate e APE sociale dai 63 anni: requisiti e vincoli, ecco chi rientra nella proroga della LdB20201