Le imprese al femminile: come ottenere le agevolazioni

Avviare un’impresa di donne, ecco come fare e quali sono le agevolazioni

Ormai molte più donne si dedicano a sviluppare un progetto personale avviando proprio un’attività tutta al femminile. Spinte dalla voglia di dipendenza e dall’ambizione riescono a portare avanti attività nei più disparati settori lavorativi. In base ai dati Istat, l’imprenditoria femminile prevale soprattutto nel settore dei servizi ma è ancora molto bassa nel settore manifatturiero e delle costruzioni.

Impresa al femminile: i requisiti

Un’impresa al femminile per essere definita tale deve possedere i seguenti requisiti:

  • Società di persona e cooperative: il 60% dei soci deve essere femminile;
  • Società di capitali: i 2/3 delle quote di proprietà femminile e l’amministrazione composta da 1/3 di donne;
  • Ditta individuale: il titolare deve essere una donna.

Per agevolare la nascita di queste imprese tutte al femminile è stato ideato il Protocollo d’intesa nel 2014 con la finalità di finanziare il loro sviluppo. Inizialmente la scadenza di tale progetto era stata fissata per il 31 dicembre 2015, poi prolungata fino al 31 dicembre 2017. Il ministero dello sviluppo economico in seguito alle diverse verifiche effettuate in questo lungo periodo, da cui è emerso una crescita esponenziale di tali imprese, ha deciso di nuovo di prolungare la scadenza del Protocollo d’Intesa fino al 31 dicembre 2019.  

Impresa al femminile: i finanziamenti agevolati

Come abbiamo detto, nel 2014 è stato istituito il cosiddetto “Protocollo d’intesa per lo sviluppo e la crescita delle imprese femminili”, che favorisce una forma di finanziamento agevolato alle imprenditrici. A tale protocollo partecipano numerose banche che mettono a disposizione un plafond finanziario in base alle necessità del finanziamento.

Per ottenere un finanziamento agevolato, oltre ad avere i requisiti per essere definita impresa al femminile, sopra elencati, c’è la necessità di rientrare nella categoria della piccola e media impresa (PMI), con i seguenti requisiti:

  • Avere meno di 50 dipendenti;
  • Fatturato inferiore a 7 milioni;
  • Non essere dipendente da imprese partecipanti.

Impresa al femminile: tipi di finanziamento

Le donne imprenditrici possono accedere a diversi tipi di finanziamento, in base alle loro esigenze si possono rivolgere a diversi enti.

I finanziamenti ottenibili possono essere a fondo perduto, con agevolazioni oppure tramite il Fondo di Garanzia.

Il contributo a fondo perduto viene erogato per avviare un’impresa femminile, almeno il 50% del fondo non verrà restituito mentre il resto verrà rimborsato in rate mensili con un tasso agevolato.

I finanziamenti agevolati vengono concessi all’avvio dell’attività per realizzare i nuovi progetti, acquistare prodotti e servizi e così via.

Il Fondo di Garanzia non è un vero e proprio finanziamento, ma permette di poter richiedere un finanziamento garantito dallo Stato. Il fondo interviene sulle garanzie reali, assicurative e bancarie. Possono accedere al fondo di garanzia sia le imprese femminile che le professioniste presentando domanda direttamente alla banca e al Fondo.

Un’altra fonte di finanziamento è il microcredito. Anche questo non prevede un contributo economico, ma una forma di garanzia sul prestito richiesto. Possono richiedere il microcredito le imprese al femminile o professioniste con almeno 5 anni di attività, con non più di 5 dipendenti per le imprese individuali e 10 in caso di società di persone.

Imprese al Sud, incentivi dello Stato, tutte le ultime novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.