Legge di Bilancio 2019 e pacchetto famiglia, ecco di cosa si tratta

Nella legge di bilancio 2019, un pacchetto di emendamenti a favore della famiglia, si va dal concedo paternità al bonus bebè asilo nido e anche una carta famiglia per nuclei familiari con tre figli a carico.

Nella legge di bilancio 2019 vediamo potenziato il concedo di paternità, aumentando da 4 giorni a 5 il congedo obbligatorio per i papà. In congedo di paternità consiste nell’obbligo da parte dei papà di astenersi dal lavoro per almeno 5 giorni per i primi 5 medi di vita del bebè. Inoltre a favore della famiglia ci sono altre misure nella legge di Bilancio come l’aumento del bonus asilo nido a 1.500 euro.

Legge di bilancio: Congedo di paternità

Il congedo di paternità che innalza a 5 giorni di congedo, non è una misura strumentale ma provvisoria solo per 2019. Il congedo obbligatorio per i papà è stato introdotto con la riforma del lavoro del 2012 e prevedeva solo un giorno di congedo per i papà. Questo doveva restare in vigore fino al 2015 ma poi i vari governi hanno optato per una proroga fino ad arrivare ad oggi con un potenziamento a 5 giorni, con la modifica al comma 354 della legge 232/2016.  Le regole per la fruizione sono le stesse, le cinque giornate di congedo vanno utilizzate obbligatoriamente nei primi 5 mesi di vita del bambino, in più c’è la possibilità di usufruire di un giorno facoltativo in alternativa alla madre. Cioè i due genitori si devono accordare precedendo che la madre rinunci ad un giorno di maternità per concedere un giorno di congedo al padre.

Legge di bilancio: Bonus asilo nido

Anche il bonus asilo nido è stato potenziato, dai 1.000 euro si è saliti a 1.500 euro per il triennio 2019-2021. Dal 2022 verrà ridimensionato con un apposito decreto da presentare entro il 30 settembre 2021, ma non potrà scendere al di sotto dei 1.000 euro.

Riassumendo, il bonus asilo nido per il triennio 2019 – 2021 ammonta a 1.500 euro, poi per il 2022 verrà ridimensionato, ma non potrà mai essere inferiore ai 1.000 euro. Il bonus asilo nido è regolamentato dal comma 355 della legge 232/2016, questo si utilizza per pagare la retta dell’asilo nido pubblico o privato, e viene erogato dall’INPS al beneficiario per 11 mensilità. Facciamo presente che in egual misura spetta ai genitori di bambine che hanno meno di 3 anni con gravi patologie croniche, da utilizzare per pagare forme di assistenza domiciliare.

Legge di bilancio: Carta famiglia

Anche la Carta famiglia viene potenziata, i nuclei familiari che ne possono far richiesta sono quelli composti da almeno tre figli a carico fino a 26 anni di età. La vecchia Carta famiglia era per i nuclei familiari con 3 tigli a carico con 18 anni di età. Quindi anche questa misura è stata potenziata.

Bonus asilo nido: fino a 1.500 euro all’anno, novità dalla Legge di Bilancio

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.