Legge di bilancio 2021, ecco le novità nel testo in approvazione entro il 31/12: dalle pensioni alla cassa integrazione, fino alla lotteria degli scontrini

-
23/12/2020

Legge di bilancio 2021, ecco le novità nel testo in approvazione entro il 31/12: dalle pensioni alla cassa integrazione, fino alla lotteria degli scontrini

Prosegue la discussione parlamentare sulla legge di bilancio 2021. Il testo della manovra è in discussione presso il Parlamento e dovrà necessariamente arrivare all’approvazione definitiva entro il 31 dicembre 2020. A tal proposito, sarà fondamentale osservare cosa accadrà il prossimo 27 dicembre, quando avverrà il passaggio del voto di fiducia. Le nuove misure previste toccano temi fondamentali, come quello dell pensioni, del fisco e del lavoro.

Sono inoltre previsti diversi bonus nonché numerose agevolazioni pensate per sostenere i cittadini e l’economia per via della grave crisi finanziaria che si è verificata a seguito dell’emergenza coronavirus. Facciamo insieme il punto della situazione in merito ai principali interventi e alle novità in arrivo nel prossimo anno, premettendo che fino all’approvazione definitiva gli interventi sono da considerare come provvisori e passibili di nuove modifiche.

Legge di bilancio 2021: cassa integrazione, divieto di licenziamento e pensioni

Per quanto concerne la cassa integrazione e il divieto di licenziamento, la legge di bilancio 2021 conferma l’estensione della misura per 12 settimane. La Cig sarà quindi utilizzabile fino al prossimo 31 marzo 2021. Identica scadenza è stata prevista anche per il divieto di licenziamento che è stato attivato dopo l’emergere della crisi economica dettata dalla diffusione del Covid-19.


Leggi anche: Fisco e cartelle esattoriali: dal 1° maggio 2021 in partenza 15 milioni di atti, riprendono anche i pignoramenti

Altro tema fondamentale legato al mondo del lavoro è quello delle agevolazioni riguardanti le pensioni. La legge di bilancio prevede una riforma ridotta del settore, in attesa di un intervento più ampio che arriverà solo nel 2022 (cioè una volta che sarà terminata la sperimentazione legata alla quota 100). Il testo prevede la proroga dell’Ape sociale e dell’opzione donna. La prima è accessibile nei casi di disagio previsti dai 63 anni di età e con 30-36 anni di contributi.

La seconda consente l’accesso alla pensione anticipata alle lavoratrici con almeno 58 anni di età (59 se autonome) e 35 anni di contribuzione, accettando il ricalcolo interamente contributivo dell’assegno. Infine, dovrebbe concretizzarsi anche un rafforzamento del contratto di espansione.

Proroga bonus casa 2021: il nuovo intervento previsto dalla manovra

Rispetto al tema delle ristrutturazioni e del rilancio del settore edilizio è stato confermato il cosiddetto bonus casa. La proroga è stata inserita all’interno delle misure destinate a “Crescita, Investimenti e Sud”. Per poter fruire dei benefici previsti dalla legge, bisognerà eseguire gli interventi entro il prossimo 31 dicembre 2021.


Potrebbe interessarti: Pensioni, con i fondi integrativi fino a 10 anni di anticipo: ma il sistema fatica a decollare

Tra i provvedimenti previsti all’interno del pacchetto troviamo il bonus ristrutturazioni, il bonus facciate, l’ecobonus, il bonus mobili ed elettrodomestici e infine il bonus verde.

Bonus bebè, congedo di paternità e reddito di cittadinanza

Il tema del sostegno alle famiglie prende forma all’interno della nuova finanziaria attraverso la proroga per un anno del bonus bebè. Allo stesso tempo, trova conferma anche l’estensione del congedo di paternità fino a 7 giorni. L’importo del bonus varia in base al profilo ISEE, partendo da 80 euro al mese al di sopra della soglia delle 40mila per crescere a 120 euro al mese con certificazione tra 7mila e 40mila euro. Al di sotto di tale soglia sono corrisposte 160 euro al mese.

Riguardo al reddito di cittadinanza viene confermato il rifinanziamento della misura, con una sua estensione fino all’anno 2029. Le risorse destinate al prossimo anno corrispondono a 196,3 milioni di euro. Non vi sono interventi sostanziali alle regole di assegnazione del beneficio di legge.

Lotteria degli scontrini, bonus telefono e bonus TV

Tra gli interventi di modifica da segnalare all’interno del testo della manovra troviamo anche l’esclusione dei pagamenti in contanti dalla lotteria degli scontrini. In questo senso, lo Stato destinerà il concorso pensato per contrastare l’evasione fiscale  solamente in favore di chi effettuerà pagamenti tramite bancomat, carte di credito o altri sistemi di pagamento tracciabili.

Tra i nuovi bonus in arrivo c’è poi un kit di digitalizzazione pensato per ridurre l’esclusione digitale. Si tratta del cosiddetto bonus smartphone, che prevede l’assegnazione di un cellulare in comodato d’uso gratuito per un anno, insieme a un abbonamento internet e alla possibilità di leggere due quotidiani a scelta. Il bonus TV 2021 prevede invece un contributo per la sostituzione degli apparecchi televisivi, con l’obiettivo di smaltire le apparecchiature che non sono in grado di utilizzare le tecnologie di ricezione DVB-T2.