Lezioni private: come dichiarare i compensi nel 730 o con l’imposta IRPEF

-
05/03/2020

Il docente che impartisce lezioni private dietro un corrispettivo in denaro deve mettersi in regola attraverso il versamento dell’imposta del 15% sul reddito delle persone fisiche (Irpef), addizionali regionali e comunali. Ma, può anche scegliere di dichiarare i compensi nel modello 730.

Lezioni private: come dichiarare i compensi nel 730 o con l’imposta IRPEF

I compensi per le lezioni private dietro un corrispettivo in denaro sono soggette a tassazione. La Legge di Bilancio 2019, ha disposto che il denaro ricevuto dai professori per l’attività svolta in seguito alla docenza strettamente privata, venga sottoposta alla tassazione di una flax tax del 15%.

Oggi, le lezioni di private, svolte dal docente dietro al proprio computer, sono una forte realtà non solo del campo Universitario, nel quale gli studenti spesso applicano uno studio online. Ma, con l’allarme sempre più attivo del Coronavirus, il Governo ha disposto la chiusura delle scuole per ogni ordine e grado fino al 15 marzo 2020 e, molto probabilmente questa interruzione delle attività scolastiche potrebbe prolungarsi per altri due mesi.

Nasce, quindi, l’esigenza di poter ampliare lo studio online esteso a tutti gli alunni per rimetterli in gioco in tema scolastico, ma soprattutto, per preservare il diritto alla conoscenza. L’insegnante che riceve compensi per l’attività di lezioni private e ripetizioni è soggetto a tassazione.

Lezioni private: come dichiarare i compensi ricevuti?

Il docente è tenuto a dichiarare le somme ricevete a per supportare l’alunno durante lo studio su argomenti presenti nel programma scolastico.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce in materia di imposta sostitutiva sui compensi delle ripetizioni e lezioni private che il docente è assoggettato all’imposta del 15% sul reddito delle persone fisiche (Irpef), addizionali regionali e comunali.

Lezioni private: come si versa l’imposta IRPEF sui compensi ricevuti?


Leggi anche: Assegno invalidità (legge 222 del 12 giugno 1984)

Il docente dovrà accodarsi alle stesse disposizioni previste per le persone fisiche (liquidazione, accertamento, sanzioni ecc.), con il pagamento dell’imposta sostitutiva in acconto e a saldo.

L’imposta sostitutiva dovrà essere quantificata attraverso trascrizione del quadro RM contenuto nel modello della dichiarazione dei Redditi Persone fisiche 2020. Il docente deve procedere al pagamento dell’imposta sostitutiva IRPE, addizionali regionali e comunali sui compensi per lezioni private e ripetizioni, attraverso i codici tributo di seguito elencati da usare nell’apposito modello F24, quali:

  • Codice 1854 viene riportato l’importo a titolo di acconto prima rata;
  • Codice 1855 viene riportato l’importo a titolo di acconto seconda rata, oppure, versamento in un’unica soluzione;
  • Codice 1856 viene riportato l’importo a titolo di saldo.

Lezioni private: come dichiarare i compensi nel modello 730?

La normativa precisa che il docente può prediligere di dichiarare i compensi ricevuti come lezione private in regime ordinario. In questo modo, potrà dichiarare i redditi extrascolastici attraverso il modello 730. In particolare, il contribuente dovrà redigere il quadro D, dirigendosi nell’apposito rigo D5 codice 5.

Mentre, i pagamenti relativi agli acconti dell’IRPEF andranno riportati nel quadro F.