Licenziamento ad nutum settore privato: se maturo i requisiti per la pensione posso essere licenziato?

-
31/03/2020

Licenziamento ad nutum nel settore privato: vediamo quando è applicabile e quando no il licenziamento senza motivo.

Licenziamento ad nutum settore privato: se maturo i requisiti per la pensione posso essere licenziato?

Licenziamento ad nutum, ovvero libero e senza essere obbligati a dare una motivazione da parte del datore di lavoro, è attuabile quando il lavoratore raggiunge i requisiti per il pensionamento nel settore privato?

Licenziamento ad nutum

Il datore di lavoro può licenziare, senza dare spiegazione alcuna, il dipendente del settore privato che raggiunge i 67 anni di età (fino al 2022) e il diritto alla pensione di vecchiaia. Se il dipendente, quindi, al compimento dei 67 anni non ha raggiunto i 20 anni di contributi il licenziamento non può sopraggiungere a meno che il contratto di lavoro non preveda un ‘apposita clausola che prevede la possibilità di recedere il contratto al compimento di una determinata età. Ma in questo caso gli orientamenti giurisprudenziali sono contrastanti ed alcuni sostengo che anche in presenza della clausola il licenziamento deve essere accompagnato, per non essere illegittimo, dal giustificato motivo oggettivo o dalla giusta causa.

Da far presente che nel settore privato, tra l’altro, non è obbligatorio il licenziamento al compimento dei 67 anni neanche quando il dipendente ha raggiunto i 20 anni di contributi: in accordo con il datore di lavoro il rapporto può proseguire fino al compimento dei 71 anni.

Cosa accade, quindi, se il lavoratore non ha aggiunto al compimento dei 67 anni i 20 anni di contributi?

Il dipendente può rimanere in servizio fino al compimento dei 71 anni (l’età per accedere alla pensione di vecchiaia contributiva che richiede almeno 5 anni di contributi).

Nel settore privato, quindi, a differenza che in quello pubblico, non esiste un limite di età e soprattutto prima dei 67 anni un dipendente non può essere licenziato senza una motivazione.

Per fare un esempio, quindi, il dipendente che raggiunge i requisiti per accedere alla pensione anticipata non può essere licenziato ad nutum se non ha compiuto i 67 anni. Si tratterebbe di licenziamento illegittimo.


Leggi anche: L’azienda può costringere ad accedere alla pensione anticipata?