Liquidazione TFS dipendenti pubblici: dopo quando con quota 100?

-
17/02/2020

Quando la liquidazione del TFS per i pensionato con quota 100? 24 mesi dopo i contributi necessari per anticipata o 12 mesi dopo il compimento dei 67 anni?

Liquidazione TFS dipendenti pubblici: dopo quando con quota 100?

Si torna a parlare di liquidazione del trattamento di fine servizio , TFS, per i dipendenti del pubblico impiego affrontando nuovamente la questione del pagamento per chi ha optato, per la quiescenza, della pensione con quota 100. I chiarimenti dell’INPS al riguardo non sembrano dissipare i dubbi e a questo punto ci proviamo noi.

Liquidazione TFS quota 100

Sono un dipendente del Ministero istruzione ed a Settembre 2020 andrò in pensione con quota 100.  Ieri ho parlato telefonicamente con una funzionaria INPS che mi ha confermato che, a prescindere dall’eventuale anticipo previsto dalla Legge 26/2019, il pagamento avverrà nel momento in cui si raggiungerà il primo dei seguenti requisiti:

Dopo 24 mesi dal raggiungimento del requisito previsto per la pensione anticipata quindi 42 anni e 10 mesi per gli uomini;
Dopo 12 mesi dal raggiungimento  del requisito previsto per la pensione di vecchiaia quindi al compimento di 67 anni di età.

Quale delle due è la versione sancita dalle norme in vigore???

Si rimane in attesa di cortese riscontro e si ringrazia

La funzionaria dell’INPS le ha detto il giusto. La liquidazione del trattamento di fine servizio avviene secondo le tempistiche da lei riferite, a prescindere dall’anticipo con quota 100 in base a quanto contenuto nel decreto legge 4/2019. Dal momento, però, che chi accede a quota 100 non ha raggiunto i 42 anni e 10 mesi di contributi (per le donne 1 anno in meno per la pensione anticipata) e neanche riuscirà a raggiungerli visto che il cumulo dei redditi da lavoro dipendenti con quelli da pensione sono vietati per i pensionati quota 100, è da escludere la possibilità di ricevere il TFS dopo 24 mesi dalla maturazione del requisito di accesso alle pensione anticipata.

Per questo motivo i pensionati con quota 100 ricevono il pagamento della prima rata del proprio TFS soltanto dopo 12 mesi dal compimento dei 67 anni necessari per l’accesso alla pensione di vecchiaia.

Infatti il requisito dei 42 anni e 10 mesi non può essere raggiunto in via prospettica (ovvero dicendo se avessi continuato a lavorare oggi avrei maturato i contributi necessari perchè ciò non è avvenuto).