Lotteria degli scontrini 2020: premi fino a 50 mila euro e sanzioni fino a 2mila euro per i commercianti

-
15/10/2019

Lotteria degli scontrini: esenzione della tassazione sui premi ma pesanti sanzioni per i commercianti che non si adeguano

Lotteria degli scontrini 2020: premi fino a 50 mila euro e sanzioni fino a 2mila euro per i commercianti

Dal 1 gennaio 2020, come previsto, entrerà in vigore la lotteria degli scontrini fiscali. Tutto ciò serve a incentivare i consumatori a richiedere agli esercenti il rilascio dello scontrino fiscale sia per l’acquisto di un bene o di un servizio. Il governo con la lotteria degli scontrini ha intenzione di fare una dura battaglia contro l’evasione fiscale, cu saranno ricci premi ma anche pesanti sanzioni pe i commercianti che non si adeguano. La lotteria degli scontrini è contenuta nel decreto legge fiscale collegato alla legge di Bilancio. Il Governo prevede di recuperare 7,2 miliardi di euro dalla lotta all’evasione fiscale.

Premi lotteria: esenti dalla tassazione

Nel Decreto Legge fiscale si legge che i premi della lotteria degli scontrini non sono soggetti a tassazione in quanto non faranno parte alla formazione del reddito imponibile.

Per poter partecipare alla lotteria, che avrà inizio da gennaio 2020, basterà comunicare all’esercente, prima che lo scontrino venga emesso il codice fiscale, come avviene in farmacia per l’emissione dello scontrino parlante. L’esercente trasmetterà all’Agenzia dell’Entrate i dati della singola prestazione. Potranno partecipare alla lotteria degli scontrini tutti i cittadini maggiorenni. Gli scontrini validi saranno solo quelli che superano una spesa minima di 1 euro. Per chi paga con bancomat o carte avranno una doppia possibilità di vincita, in quanto per l’estrazione varranno il doppio.


Leggi anche: Legge di bilancio 2022: novità su pensioni, reddito di cittadinanza, fisco

Lotteria degli scontrini: i premi

I remi verranno sorteggiati, 3 mensilmente, a partire già da gennaio 2020. L’ammontare dei premi saranno di 50 mila, 30 mila e 10 mila euro, una volta al mese. Poi una volta all’anno ci sarà l’estrazione finale che includerà tutti i partecipanti dell’anno, per un premio di 1 milione di euro. È previsto che per il 2021 le estrazioni potranno essere settimanali. A gestire il tutto l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. I vincitori saranno informati della vincita al domicilio che risulterà dal codice fiscale, e avrà 90 giorni per ritirare il premio. Il montepremi sarà assicurato dal maggior gettito fiscale che si prevede nella misura di 10 – 12 miliardi di euro.

Lotteria: sanzioni per i commercianti che non si adeguano

I commercianti che si rifiuteranno di emettere lo scontrino con il codice fiscale dell’acquirente, andranno incontro a salate sanzioni che vanno da 500 euro a 2 mila euro per ogni singolo caso segnalato. Il contribuente deve, ovviamente, manifestare la sua volontà di partecipare alla lotteria degli scontrini e fornire il proprio codice fiscale prima che lo scontrino venga emesso.

Lo scopo della lotteria degli scontrini è quello di tracciare i pagamenti per evitare l’insorgenza di fenomeni di riciclaggio. Il consumatore sarà incentivato ad utilizzare la moneta elettronica per i propri acquisti, in quanto il sistema riconoscerà al consumatore il doppio delle giocate. Il sistema vale anche per gli acquisti in rete. Inoltre ha anche lo scopo di incentivare all’obbligo fiscale della trasmissione telematica l’esercente.


Potrebbe interessarti: Cambio dell’ora, dalla legale alla solare: quando spostare l’orologio

Lotteria degli scontrini per combattere l’evasione: con estrazioni mensili